26 febbraio 2024

Logo t24Il quotidiano Economico Toscano
menu
cerca
Cerca
Top Aziende

23 novembre 2023

A Bto le novità dell’Ai per il turismo del futuro (e del presente)

Un centinaio gli eventi in programma a Firenze per l’edizione 2023 (la numero 15) del salone, con 280 relatori accreditati.

Se l’anno scorso era il metaverso a catturare l’attenzione, quest’anno l’intelligenza artificiale applicata al mondo del turismo è il tema chiave di Bto, che per l’edizione 2023 ha portato a Firenze novità come sommelier artificiali e bot evoluti, oltre all’analisi dei megatrend del turismo internazionale. Un centinaio gli eventi in programma, tra seminari, approfondimenti ed esperienze dedicate a professionisti, curiosi e addetti ai lavori, con 280 relatori accreditati.

Secondo il presidente della Camera di commercio di Firenze, Leonardo Bassilichi, “l’intuizione che Regione e Camera di commercio ebbero quindici anni fa si è rivelata giusta; in un momento in cui le tecnologie basate sull’intelligenza artificiale potrebbero definire un ulteriore spartiacque tra le imprese che ne coglieranno i vantaggi e quelle che non riusciranno a farlo, il ruolo degli attori pubblici è assolutamente decisivo come guida e stimolo verso le nuove opportunità che la transizione digitale può offrire”.

E allora largo alle più innovative tecnologie che fondono intelligenza artificiale generativa con il mondo del travel e dell’enogastronomia: come Ai Decameron, proposto da Carraro Lab, è una rigenerazione del grande poeta richiamato in vita per raccontare la Toscana con la voce campionata del direttore di Bto, Francesco Tapinassi; oppure Hypertaste, la ‘lingua artificiale’ di Ibm Research, in grado di identificare vini, terroir, annate e descrittori gustativi con una precisione che sfiora il 100%, presentata per la prima volta in un evento pubblico in Italia.

“L’intelligenza artificiale non sarà una nemica dell’uomo ma potrà migliorare l’esperienza lavorativa in ogni settore e anche l’esperienza di viaggio”, ha dichiarato Tapinassi, secondo cui “la responsabilità di come si evolverà è nostra”, ed è “quello che cerchiamo di fare con Bto e 280 relatori all’interno di una dimensione narrativa che è di conoscenza di un futuro possibile, ma sempre ben collegato ai bisogni attuali dell’offerta turistica”.

Dal canto suo, la Regione Toscana per il 2024 punta alla messa a sistema dell’osservatorio turistico regionale, ma anche allo sviluppo di una app dedicata, e all’approvazione delle modifiche al Testo Unico sul turismo elaborate attraverso il confronto con Anci e i territori. “Nell’ultimo anno – ha detto il direttore della Fondazione Sistema Toscana, Francesco Palumbo – 5 milioni di visitatori unici hanno visitato VisitTuscany, rinnovato quest’estate, ed è stata fatta una campagna web da quasi 100 milioni di visualizzazioni. Sono oltre 230 mila invece i turisti che, durante la loro vacanza in Toscana, sono stati profilati dai 193 Uffici di Informazione Turistica del territorio grazie al software messo a disposizione dal sistema regionale”.

Fra le analisi presentate a Bto, l’attesa ricerca di PhoCusWright secondo cui prima di partire il viaggiatore italiano consulta le persone che conosce, anziché le recensioni online: secondo lo studio, i suggerimenti di amici e parenti influiscono per il 44% nelle scelte, seguiti a grande distanza da agenzie di viaggio (19%), magazine e guide (16%), uffici turistici (14%) e annunci in radio e tv (11%). A quanto emerge dalla ricerca, i social media non vengono sfruttati per la pianificazione dei viaggi, ma influenzano la scelta della destinazione: è soprattutto Instagram che ha un ascendente sugli under 34, anche nella pianificazione di attività da fare in viaggio.

Gli under 34 sono inoltre i più pronti ad abbracciare strumenti di intelligenza artificiale per strutturare i propri spostamenti futuri. Secondo la ricerca ignorare l’intelligenza artificiale generativa non è più possibile, ed entro 4-5 anni l’impatto dell’Ai sarà sempre più preponderante grazie ad analisi predittive, tecnologie di realtà virtuale e di mediazione linguistica: entro 7-10 anni sarà fondamentale per creare offerte personalizzate e connessioni di nuova generazione, ma avrà una grande influenza anche attraverso la robotica e il quantum computing. (lt)

Potrebbe interessarti anche

Articoli Correlati


Startup

20 febbraio 2024

3DNextech cresce con un round da 1,5 milioni

Leggi tutto
Innovazione

19 febbraio 2024

Livith, la sicurezza in agricoltura passa dalla realtà virtuale

Leggi tutto
Startup

05 febbraio 2024

Startup, c’è tempo fino al 18 febbraio per candidarsi al nuovo programma di “Italian Lifestyle”

Leggi tutto

Hai qualche consiglio?

Scrivi alla nostra redazione

Contattaci