27 maggio 2024

Logo t24Il quotidiano Economico Toscano
menu
cerca
Cerca
Innovazione

17 aprile 2024

Intelligenza Artificiale e fake news, il 72% dei fiorentini è preoccupato

È quanto emerge da una ricerca di Changes Unipol, elaborata da Ipsos, sul percepito e il vissuto dei fiorentini in merito all’AI.

L’Europarlamento ha approvato lo scorso 13 marzo il cosiddetto AI Act, l’impianto di norme europee sull’Intelligenza Artificiale. Un provvedimento auspicato, come emerge dalla nuova ricerca di Changes Unipol elaborata da Ipsos e mirata a indagare il rapporto tra gli italiani e l’IA.

Dall’indagine emerge che a Firenze 9 cittadini su 10 ne hanno almeno sentito parlare ma appena il 4% l’ha utilizzata e l’11% afferma di averne una conoscenza approfondita. Il 44% dichiara di averne una conoscenza di base mentre il 31%, sebbene ne abbia sentito parlare, non sa cosa sia. Tra coloro che hanno utilizzato l’IA, il 78% ritiene che i risultati ottenuti siano abbastanza utili.

Curiosità e diffidenza tra gli intervistati ma c’è chi vede lontano

Approfondendo il sentiment che aleggia attorno a questa tecnologia emerge che, se un 13% dei fiorentini ne è attratto e incuriosito, per il 22% è invece motivo di diffidenza e preoccupazione. Il 34% invece non si sbilancia, reputando possa avere effetti sia positivi che negativi.

Ma per cosa utilizzerebbero l’IA i fiorentini? La maggioranza delle loro indicazioni ricade sulla traduzione dei testi in una lingua straniera (79%), seguito dall’organizzazione di un viaggio o una vacanza (53%), quindi da una consulenza finanziaria per decidere come investire i risparmi (33%) e infine per elaborare una diagnosi medica (29%).

Nel medio termine, con un orizzonte di 5 anni, i fiorentini vedono i miglioramenti più significativi grazie all’apporto dell’IA nella gestione dei propri spostamenti e della mobilità (50%), il 47% vede poi miglioramenti nella pubblica amministrazione con questa tecnologia che ne faciliterà il processo di digitalizzazione. Segue il 41% che vede giovamenti per quanto riguarda il modo di vivere esperienze culturali e il 40% che prevede una maggiore precisione e velocità delle diagnosi mediche.

Luci e ombre per il mondo del lavoro: l’87% prevede svantaggi

Al centro del dibattito ci sono le implicazioni che il diffondersi dell’IA può avere sul lavoro. Partendo dai possibili svantaggi che questa tecnologia può comportare, le ricadute negative sull’occupazione sono quelle più indicate, con il 56% che ha timori per la perdita dei posti di lavoro (la percentuale più alta in Italia), il 38% che teme per la chiusura delle imprese più artigianali e tradizionali e il 31% vede una minaccia per la creatività. Rilevante, infine, anche il 24% dei fiorentini che vede vita lavorativa e privata non più separabili.

Nel complesso, quasi 9 fiorentini su 10 (l’87%) vedono almeno uno svantaggio che l’applicazione dell’IA porterà nel mondo del lavoro. Tra gli aspetti positivi svetta invece con il 33% la riduzione degli errori umani nei processi lavorativi, seguito al 31% dalla possibilità di accedere a informazioni, dati e pubblicazioni come mai in passato e al 27% dalla riduzione dei carichi di lavoro.

La disinformazione e il rischio di elezioni manipolate

Il tema della disinformazione è spesso legato a doppio filo con quello dell’affinamento e della diffusione dell’IA. Il 72% dei fiorentini si dice preoccupato in tal senso. A non vedere pericoli sono invece il 23% dei rispondenti (con solo l’8% a definirsi per nulla preoccupato). Inoltre, secondo quasi 1 fiorentino su 3 (il 32%) è possibile riconoscere le informazioni reali rispetto a quelle generate dall’IA, per il 36% raramente e infine per l’11% è impossibile.

Gli ambiti che potrebbero risentire della disinformazione sono per i fiorentini in primis la politica, con le elezioni influenzate dalle fake news (37%) seguita dalla sicurezza, per esempio false minacce e allarmi (35%) e da danni che i singoli potrebbero subire dalle notizie false (29%). Preoccupa poi la salute, ovvero la diffusione di false informazioni su malattie e trattamenti (28%) e l’impatto e sull’economia, attraverso manipolazioni del mercato o delle tendenze economiche (26%).

Ma quali sono per i fiorentini le misure da adottare per contrastare la disinformazione? A livello generale ben l’86% dei rispondenti indica come necessaria l’introduzione di almeno una misura di controllo sull’IA per contrastare il fenomeno della disinformazione. Con il 53% delle preferenze, l’opzione più indicata è quella relativa all’introduzione di regolamenti e leggi severe sull’uso dell’IA, seguita al 31% dallo sviluppo di tecnologie per rilevare la disinformazione e dalla responsabilizzazione delle piattaforme media nel monitorare e rimuovere la disinformazione. (redgs)

Potrebbe interessarti anche

Articoli Correlati


Startup

22 maggio 2024

Startup, arriva il demo day di Hubble, neoimprese a confronto

Leggi tutto
Innovazione

15 maggio 2024

Lotta al digital divide, in campo le fondazioni bancarie toscane

Leggi tutto
Innovazione

08 maggio 2024

Sicurezza sul lavoro, bis per premiare le buone pratiche

Leggi tutto

Hai qualche consiglio?

Scrivi alla nostra redazione

Contattaci