20 giugno 2024

Logo t24Il quotidiano Economico Toscano
menu
cerca
Cerca
Impresa

05 agosto 2022

Un incubatore a energia green per la nuova area Bekaert di Figline

Un’azienda impiantistica di Ponte a Ema rileva lo stabilimento, e annuncia la partecipazione di partner “di eccellenza”.

Un incubatore di imprese che potranno utilizzare energie alternative per le attività produttive, sfruttando i fondi del Pnrr: è questo il progetto di Ge-Group, piccola azienda fiorentina di impiantistica, attiva nel campo dell’efficienza energetica e delle energie rinnovabili, che ha sottoscritto il preliminare d’acquisto dell’immobile ex-Bekaert di Figline Valdarno (Firenze). Nel progetto saranno coinvolte imprese di settori diversi (dall’idrogeno green all’agricoltura innovativa): i loro nomi saranno resi noti da Ge-Group probabilmente entro la fine dell’estate, in un evento in cui l’operazione sarà presentata nei dettagli.

I rappresentanti di Ge-Group, che ha sede a Ponte a Ema, hanno incontrato ieri istituzioni locali e sindacati, “raccogliendo l’appello della Regione e delle parti sociali – si legge in una nota dell’azienda – nel riassumere il personale licenziato dalla Bekaert e tutt’ora senza impiego”. Il progetto, sostiene l’azienda, sarà “in partecipazione con diverse società di eccellenza”, e nei prossimi giorni “si darà avvio alla due diligence per le dovute verifiche”.

I sindacati chiedono impegni precisi

Alla luce delle aperture dell’azienda che rileva l’area di Figline, i sindacati chiedono di ricollocare nel nuovo progetto i lavoratori ex-Bekaert rimasti inattivi dopo il licenziamento del 2021, e di monitorare l’avanzamento del progetto stesso. Per Daniele Calosi, segretario generale della Fiom di Firenze, Prato e Pistoia, serve “un contratto di sviluppo vincolante che stabilisca tempi, modi e criteri del piano di reindustrializzazione; un cronoprogramma che preveda ad ogni singola scadenza un incontro di verifica, partendo dal primo necessario step che è quello della bonifica ambientale dell’area di Via Petrarca”.

“I tempi non saranno certo brevissimi, e servirà una mole di formazione mirata alle professioni del futuro che si svilupperanno nella nuova fabbrica”, osservano Fabio Franchi (Cisl Firenze-Prato), Flavia Capilli e Gino Turrini (Fim-Cisl Toscana), riconoscendo la complessità dell’operazione, e chiedendo “alla società capofila e alle istituzioni di monitorare, con incontri ad hoc, i progressi e i passi in avanti che il progetto farà, in modo anche da dare gambe ancora più veloci al ricollocamento dei tanti lavoratori rimasti senza occupazione del territorio, a partire proprio dagli ex Bekaert non ancora ad oggi impiegati”.

Potrebbe interessarti anche

Articoli Correlati


Industria

20 giugno 2024

Tregua su Amadori, un addio con garanzie (anche per gli avventizi)

Leggi tutto
Impresa

20 giugno 2024

Unicredit supporta lo sviluppo sostenibile di Next Yacht Group srl

Leggi tutto
Impresa

20 giugno 2024

Pitti Bimbo soffre il calo di negozi e prepara l’edizione 100 del rilancio

Leggi tutto

Hai qualche consiglio?

Scrivi alla nostra redazione

Contattaci