19 aprile 2024

Logo t24Il quotidiano Economico Toscano
menu
cerca
Cerca
Top Aziende

14 luglio 2023

Polo di Navacchio, vent’anni di successi e nuove imprese

Oltre 100 startup sono state incubate in 20 anni e circa 600 idee imprenditoriali, un vivaio di eccellenze e talenti.

Vent’anni e una realtà che è cresciuta esponenzialmente dal 2003 al 2023. Sono passati esattamente due decenni da quando l’incubatore di startup di Navacchio è diventato una realtà operativa. La struttura, oggi certificata dal ministero delle Imprese e del Made in Italy (Mimit), è cresciuta e si è adattata ai cambiamenti della società e del mercato, trasformandosi a seconda delle necessità e delle esigenze delle startup. Dal 2003 ad oggi sono passate dall’incubatore circa 100 imprese e sono state valutate oltre 600 idee imprenditoriali, un vero “vivaio” di talenti prodotti dagli atenei e dai centri di ricerca del territorio regionale e da chi ha deciso di scommettere sulla propria idea e di farne un’impresa

Dal 2003 la percentuale di successo delle start up passate da qui è dell’85%

Silvia Marchini, responsabile dell’area startup del Polo tecnologico offre dati molto interessanti: “Dal 2003 a oggi la percentuale di successo delle startup che sono passate dal nostro incubatore è dell’85%. Con molte di loro, oggi aziende solide e ben posizionate sul mercato, lavoriamo ancora”. Andrea Di Benedetto, presidente del Polo Tecnologico di Navacchio, dal canto suo avverte “la certificazione Mimit contribuisce a tracciare un pezzo di strada sul futuro dell’innovazione a partire dai nostri punti di forza, senza copiare modelli che da noi non possono funzionare, per essere ancor più ambiziosi per i prossimi 20 anni”. “L’ente – spiega – si sta muovendo su tre fronti: il deep tech, ovvero le tecnologie rivoluzionarie, l’open innovation, per la trasformazione del Made in Italy: le tecnologie delle nostre startup possono accelerare i processi di innovazione delle aziende tradizionali, anche di piccola e media dimensione e le startup ibride, la via italiana alle startup: dai percorsi di open innovation, infatti, possono nascere startup ibride, con modelli digitali che rivoluzionino i settori tradizionali grazie ad approcci totalmente nuovi. Solo unendo questi puntini le startup saranno i vettori di una rivoluzione epocale”.

Miglior centro del mondo per le nuove aziende

La struttura è cresciuta e si è adattata ai cambiamenti della società e del mercato, a seconda delle necessità e delle esigenze delle startup. Ha ricevuto oltre 40 tra premi e riconoscimenti importanti, nazionali e internazionali. Nel 2011 è stato decretato il miglior centro del mondo per quanto riguarda i servizi offerti alle start up. Ha raddoppiato i suoi spazi, oltre 1.200 metri quadrati tra uffici dedicati e aree comuni, rispetto ai 600 del 2003.

Potrebbe interessarti anche

Articoli Correlati


Startup

11 aprile 2024

Italian Lifestyle, scelte le sei startup del 2024 (5 sono toscane)

Leggi tutto
Startup

09 aprile 2024

Progetto Prisma, tre anni di innovazione e contaminazione tra startup e aziende

Leggi tutto
Startup

05 aprile 2024

UniCredit cerca 50 startup e Pmi innovative per accompagnarle nella crescita

Leggi tutto

Hai qualche consiglio?

Scrivi alla nostra redazione

Contattaci