27 maggio 2024

Logo t24Il quotidiano Economico Toscano
menu
cerca
Cerca
Industria

17 ottobre 2023

Pelletteria sempre a caccia di nuove leve (ma l’export rallenta)

Agli Stati generali di Assopellettieri la presidente Sequi conferma: nascerà a Firenze nel 2024 una scuola dell’associazione.

Leonardo Testai

Claudia Sequi, presidente di Assopellettieri

L’aumento dei costi dell’energia e delle materie prime, gli strascichi della guerra in Ucraina e ora la crisi di Gaza, dipingono uno scenario difficile (in termini di export, ma non solo) per uno dei comparti trainanti della manifattura made in Italy – e made in Tuscany: la pelletteria, che a Firenze ha vissuto la nuova edizione degli Stati generali organizzati da Assopellettieri. Con un focus sulla formazione, e l’annuncio della presidente dell’associazione Claudia Sequi – annuncio anticipato da un’intervista a T24 – della nascita di una nuova scuola di pelletteria in Toscana nel 2024, dunque in una regione che da sola rappresenta circa il 40% degli oltre 13 milioni di euro di export del comparto.

“Attrarre i giovani è questione di sopravvivenza”

Già, perché gli sconvolgimenti a Est fanno paura, e gli addetti ai lavori presenti a Palazzo Vecchio hanno seguito con attenzione tanto il messaggio del ministro Adolfo Urso – che promette il supporto del Mimit ai processi di transizione digitale e green delle imprese – quanto la corposa lectio di geopolitica offerta da Federico Rampini. E già a metà 2023 in Toscana si osserva qualche segnale di sofferenza: oltre al saldo demografico d’impresa, con 20 aziende in meno in sei mesi, crescono le ore autorizzate di Cassa integrazione (+6,9%) ma con il dato in controtendenza di Firenze (-8,8%). Ma le ultime previsioni messe nero su bianco recitano che “nei prossimi cinque anni avremo un fabbisogno di ulteriori 15-20mila unità” da avviare al lavoro, “quindi diventa una questione di sopravvivenza formare e attrarre giovani nel nostro settore”, ha affermato Claudia Sequi, presidente di Assopellettieri.

“Quello che dobbiamo fare è invertire la narrazione – ha proseguito Sequi -, quindi raccontare che una carriera all’interno del mondo della pelletteria, anche una carriera di tipo tecnico, quindi con un lavoro manuale artigianale, è di assoluto valore, e può regalare a una persona giovane e quindi anche alle famiglie una carriera di tutto rispetto, di grande soddisfazione e remunerativa”. Idee di espansione del settore che, in realtà, nell’immediato fanno a pugni con le indicazioni che arrivano dai mercati. “I dati nel primo semestre erano molto positivi – spiega la presidente di Assopellettieri -, perché in base ai nostri studi c’era un aumento del 9,5% sul fatturato dei primi sei mesi del 2023 rispetto al 2022, però abbiamo visto che c’è un calo a partire dal terzo trimestre, e ci sarà probabilmente un ulteriore rallentamento nel quarto”.

Le guerre pesano (e la sostenibilità costa)

Un rallentamento, osserva Sequi, dovuto a “situazioni contingenti legate alle singole realtà aziendali, quindi alle dinamiche di mercato, ma ovviamente anche la situazione macro ha un impatto sul nostro lavoro, e in questo momento la situazione macro è terribile, perché ci sono fenomeni inflattivi che non si erano mai verificati prima negli ultimi anni; abbiamo una difficoltà nel cercare di adeguarci alle nuove esigenze di sostenibilità, di tracciabilità, di compliance, che portano quindi dei costi diretti e degli investimenti in nuove competenze; poi chiaramente la guerra Russia-Ucraina, e adesso quello che sta avvenendo sullo scacchiere mediorientale, che abbiamo visto avrà impatti anche in Europa”.

La pelletteria “fa parte del business della moda che è uno dei tre pilastri più importanti dell’export italiano”, ha ricordato Matteo Zoppas, presidente di Ice, osservando che “è ancora in crescita nel 2023 con circa 5,6 miliardi e circa il 6% di incremento”. Sui mercati esteri, ammette però Zoppas, la situazione è un po’ caotica, e si è capito che queste previsioni che si erano fatte sui risultati 2023 stanno andando in altalena. I mercati sono diventati più volatili”.

A fronte di questo scenario, ci si aspetta un sostegno dal governo. “Guardiamo con interesse a questa manovra finanziaria”, ha detto Flavio Sciuccati, senior partner di The European House – Ambrosetti, presentando uno studio strategico. “Finalmente c’è qualcosa sul reshoring: è un’altra grande opportunità, riportare in Italia produzioni che abbiamo perso in una fase storica di quando è stato aperto il mercato alla Cina. Rientrare vuol dire riportare volumi, riportare marginalità, e questo è uno dei temi chiave, quindi è interessante vedere questa manovra cosa fa. Poi c’è il tema fiscale: questa non è una manovra gigantesca, però dà la possibilità alle imprese che investono e assumono giovani che fanno formazione di essere detassate, questo è ovviamente uno dei temi per cui si chiede attenzione al tavolo del governo per i prossimi anni”.

Autore:

Leonardo Testai

Potrebbe interessarti anche

Articoli Correlati


Industria

24 maggio 2024

Baker Hughes, nuova commessa multimilionaria in Algeria con Maire Tecnimont

Leggi tutto
Industria

17 maggio 2024

La Regione apre il Tavolo moda e scrive a Urso, le imprese aspettano misure

Leggi tutto
Industria

16 maggio 2024

El.En. rallenta ancora, obiettivi 2024 più difficili da raggiungere

Leggi tutto

Hai qualche consiglio?

Scrivi alla nostra redazione

Contattaci