27 maggio 2024

Logo t24Il quotidiano Economico Toscano
menu
cerca
Cerca
Territorio

07 novembre 2023

Firenze, riparte la gara (ridotta a 151 milioni) per lo stadio Artemio Franchi

Nuovo tentativo del Comune di Firenze di trovare una ditta che realizzi i lavori, dopo che il primo appalto era andato deserto.

Silvia Pieraccini

Dopo la bufera causata dalla cancellazione, da parte della Commissione Ue, di 55 milioni di finanziamenti del Pnrr per la riqualificazione dello stadio ‘Artemio Franchi’ di Firenze, riparte la gara del Comune di Firenze per scegliere l’impresa che realizzerà i lavori, obtorto collo ridimensionati. Il progetto esecutivo del “corpo principale” dello stadio, realizzato da Arup Italia e Mario Cucinella Architects vincitori del concorso, è alla base del nuovo bando che scadrà l’11 dicembre: il quadro economico a oggi approvato – fa sapere il Comune – è di 151 milioni di euro (il bando precedente fatto sul progetto definitivo, e comprensivo di progettazione esecutiva e esecuzione dei lavori, valeva 170,5 milioni di euro), soldi con cui si intendono realizzare gli interventi di restauro delle strutture vincolate, le nuove gradinate delle Curve Fiesole e Ferrovia, i nuovi servizi igienici, la riqualificazione delle sedute e la copertura dello stadio a partire dal lato Curva Fiesole. La precedente gara era andata deserta per l’incertezza sul finanziamento dell’opera.

Offerte entro l’11 dicembre, aggiudicazione entro il 31 dicembre

Il bando prevede l’aggiudicazione secondo il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa (come la volta scorsa), col prezzo che peserà 10 punti su 100 e l’offerta tecnica 80 punti. L’aggiudicazione è prevista al fotofinish: entro il 31 dicembre 2023. Le norme del Pnrr prevedono l’avvio dei lavori entro marzo 2024, ma già in gennaio – promette il Comune – prenderanno il via i lavori propedeutici, a partire dalla demolizione delle strutture realizzate nella Curva Ferrovia in occasione dei campionati del mondo Italia ’90.

Il bando estensibile

Se dovessere essere ripristinati i finanziamenti complessivi previsti per lo stadio, cioè i 55 milioni saliti a 70,3 con la revisione-prezzi operata per l’aumento delle materie prime, la ditta che si aggiudicherà i lavori potrà proseguire nell’opera senza ulteriori bandi: si tratta di riqualificare il quartiere di Campo di Marte, in cui si trova l’impianto, aggiungendo la parte commerciale e alberghiera.

Autore:

Silvia Pieraccini

Potrebbe interessarti anche

Articoli Correlati


Territorio

23 maggio 2024

Immobiliare: Engel&Völkers amplia sede a Firenze (ma il problema è trovare case da vendere)

Leggi tutto
Territorio

23 maggio 2024

Fabbrica Europa, Confindustria chiede ai candidati di sostenere l’industria

Leggi tutto
Territorio

22 maggio 2024

Alluvione 2023, la Regione riapre il bando in aiuto alle imprese colpite

Leggi tutto

Hai qualche consiglio?

Scrivi alla nostra redazione

Contattaci