21 giugno 2024

Logo t24Il quotidiano Economico Toscano
menu
cerca
Cerca
Sviluppo

12 febbraio 2024

Viareggio, 3 milioni per interventi sostenibili al porto turistico

L’operazione è finalizzata alla copertura di investimenti per una spesa di circa 6 milioni di euro da realizzare nel triennio 2024- 2026.

Intesa Sanpaolo ha perfezionato un finanziamento di 3 milioni di euro con Garanzia Green di Sace a favore della società iCARE, interamente partecipata dal Comune di Viareggio e impegnata nella gestione di diverse attività di interesse pubblico.

Il finanziamento si inquadra nel piano di investimenti presentato da iCARE per potenziare il porto turistico di Viareggio e porre attenzione anche agli aspetti ambientali per diventare porto “plastic free”, promuovere l’utilizzo di combustibili alternativi per le imbarcazioni, installare colonnine elettriche, impianti fotovoltaici, di desalinizzazione e di monitoraggio dell’acqua portuale.

Previsti inoltre interventi volti a rendere fruibile l’accesso alle imbarcazioni ai portatori di handicap, dove l’inclusività diventa elemento per unire la nautica sociale e di offrire ormeggio gratuito ad associazioni riconosciute di tutela del mare e della sua cultura, nonché la sostenibilità ambientale.

Progetto legato alla transizione ecologica italiana

Nell’ambito della transizione ecologica italiana Sace ha un ruolo di primo piano. L’azienda, infatti, può rilasciare garanzie green su progetti domestici in grado di agevolare la transizione verso un’economia a minor impatto ambientale, integrare i cicli produttivi con tecnologie a basse emissioni per la produzione di beni e servizi sostenibili e promuovere iniziative volte a sviluppare una nuova mobilità a minori emissioni inquinanti. Questa operazione, realizzata grazie alle sinergie con la Rete di Sace, rientra nell’ambito della convenzione green con Intesa Sanpaolo, nella quale Sace interviene con una garanzia a copertura di finanziamenti destinati sia a grandi progetti di riconversione industriale sia alle PMI e MID corporate che intendono ridurre il proprio impatto ambientale e avviare una trasformazione sostenibile.

Obiettivo: realizzare un porto turistico degno di Viareggio

Moreno Pagnini, presidente di iCARE: “Da quando iCARE ha acquisito la gestione dell’Approdo La Madonnina e delle banchine Ceina e Antonini, il nostro impegno è stato profuso nella realizzazione di un Porto turistico degno della città di Viareggio e del ruolo che essa ricopre nel sistema nautico alto-tirrenico. Con questo importante investimento riferito alle opere “a terra”, quali il rifacimento degli Uffici e della Club House, oltre alle opere a mare come il camminamento e la diga frangiflutti, e grazie anche al contributo significativo del socio unico Comune di Viareggio che accompagna e supporta l’investimento con un aumento di capitale di 2 milioni di euro alla società, trasformeremo l’approdo in una Marina sempre più eco-sostenibile e all’avanguardia con ampliamento, altresì, della capacità di ormeggio”.

Tito Nocentini direttore regionale Toscana e Umbria Intesa Sanpaolo: “Sostenere gli investimenti di una realtà come il Porto turistico di Viareggio con un supporto di 3 milioni di euro, dimostra la volontà della nostra Banca di offrire strumenti evoluti per affrontare la transizione verso una sempre maggiore innovazione, sostenibilità ambientale e nel livello dei servizi. Un impegno che Intesa Sanpaolo, con oltre 637 milioni di euro erogati a piccole e medie imprese in Toscana, ha portato avanti attraverso finanziamenti per progetti di economia circolare e S-Loan”.(redgs)

Potrebbe interessarti anche

Articoli Correlati


Sviluppo

19 giugno 2024

Il fondo immobiliare inglese Setha pronto ad acquistare il Porto di Cecina

Leggi tutto
Sviluppo

18 giugno 2024

Bankitalia: “Per crescere servono imprese più grandi e più digital”

Leggi tutto
Sviluppo

10 giugno 2024

Ricercatori e imprese: prorogato il bando Faber

Leggi tutto

Hai qualche consiglio?

Scrivi alla nostra redazione

Contattaci