20 aprile 2024

Logo t24Il quotidiano Economico Toscano
menu
cerca
Cerca
Top Aziende

26 marzo 2024

Unione industriale pisana e Banco Bpm: 70 milioni a sostegno delle aziende

Siglato un accordo per agevolare l’accesso al credito con un importante plafond per promuovere lo sviluppo delle imprese.

Tags

La firma dell'accordo

Unione Industriale Pisana e Banco Bpm hanno siglato, nella sede dell’UIP, un accordo di partnership a sostegno delle imprese associate impegnate nel raggiungimento di obiettivi di crescita e sviluppo. All’incontro sono intervenuti il Presidente di Unione Industriale Pisana Andrea Madonna e il responsabile Direzione Tirrenica di Banco Bpm Marco Giorgio Valori.

Banco Bpm, con questo accordo, si impegna a sostenere le imprese associate della provincia di Pisa con una serie di prodotti, linee di credito e servizi ad hoc atti ad agevolare l’accesso al credito attraverso l’assistenza e la consulenza di un team di specialisti. A tale scopo, Banco BPM ha stanziato uno specifico plafond per un valore di 70 milioni di euro.

70 milioni per le imprese che vogliono crescere

Il “Plafond Unione Industriale Pisana” pari a 70 milioni di euro è dedicato alle imprese impegnate nel raggiungimento di obiettivi di crescita e sviluppo: un passaggio che richiede investimenti rilevanti e che è reso ancora più delicato dalla complessa situazione economico-finanziaria e geopolitica a livello globale. Si tratta di tutte quelle trasformazioni aziendali e di produzione necessarie per garantire un presente e un futuro alle aziende del territorio.

I prodotti e le linee di credito a breve o a medio lungo termine, anche di natura agevolata o garantita consentiranno di rispondere alle esigenze di sviluppo degli associati attivando di volta in volta gli strumenti ritenuti più efficaci. Uno di questi, per esempio, prevede un innovativo meccanismo di premialità per l’azienda in base al quale, al raggiungimento degli obiettivi concordati, ci sarà una riduzione del tasso di interesse del prestito. Finanziamenti ordinari, finanziamento Chirografario Aziende e Finanziamento Flessibile sono solo alcuni dei prodotti messi a disposizione degli associati, che potranno però concordare, attraverso specifici incontri con gli specialisti dell’istituto di credito, le condizioni che si adattano meglio alle esigenze della propria azienda e del proprio piano di sviluppo.

“A Pisa operano aziende con alti standard qualitativi”

“Pisa è un’area in cui siamo fortemente presenti e in cui operano aziende con alti standard qualitativi e produttivi – spiega Marco Giorgio Valori, responsabile Direzione Tirrenica di Banco Bpm –. La nostra attenzione verso queste realtà imprenditoriali fa parte del nostro dna di banca del territorio e ancora una volta vogliamo essere al loro fianco per sostenerle nel complesso percorso della sostenibilità e nelle innegabili difficoltà scaturite dal caro energia. Siamo orgogliosi della sottoscrizione di questo accordo e volenterosi di incontrare presto gli imprenditori per trasmettere loro tutti i dettagli relativi agli strumenti a disposizione: l’obiettivo comune con Unione Industriale Pisana è quello di mantenere competitive le nostre aziende, espressione importante del tessuto economico italiano”.

“Siamo molto soddisfatti di essere giunti alla definizione di questo accordo – ha commentato il presidente di Unione Industriale Pisana Andrea Madonna -. Di questa operazione apprezziamo l’aspetto di propensione allo sviluppo rispetto all’immediato futuro, in un periodo geopoliticamente complesso e che può portare a delle incertezze negli imprenditori: con la linea di credito che viene aperta da Banco Bpm sarà più facile gestire le conseguenze finanziarie, spesso pesanti, di questa situazione. Ma valutiamo altrettanto positivamente anche l’aspetto strategico e di prospettiva dell’accordo. Il fatto che si vada a sostenere e a premiare dal punto di vista del credito l’investimento nei confronti dei propri punti di miglioramento è il segnale di una visione aperta al futuro. Le nostre imprese ne sono consapevoli”. (redsg)

Potrebbe interessarti anche

Articoli Correlati


Banche

17 aprile 2024

Banca Mps va: emesso un nuovo bond da 750 milioni, e migliora il rating

Leggi tutto
Banche

08 aprile 2024

Per ChiantiBanca un 2023 positivo, cresce l’utile (e la solidità)

Leggi tutto
Banche

29 marzo 2024

Bcc di Pisa e Fornacette verso la scomparsa: scissione e doppia fusione in vista

Leggi tutto

Hai qualche consiglio?

Scrivi alla nostra redazione

Contattaci