14 aprile 2024

Logo t24Il quotidiano Economico Toscano
menu
cerca
Cerca
Top Aziende

25 marzo 2024

Un drone per monitorare la qualità dell’aria

Con delle speciali sacche, eseguirà dei campionamenti per monitorare le sostanze presenti nell’aria di Settimello, a Calenzano, Firenze.

Un drone, con delle speciali sacche, eseguirà dei campionamenti per monitorare le sostanze presenti nell’aria di Settimello, a Calenzano, Firenze. Il progetto di ricerca è previsto dall’accordo con Publiacqua, approvato dalla giunta comunale. 

L’obiettivo è di procedere con misurazioni anche con questo progetto sperimentale per poter caratterizzare l’aria nella zona di Settimello in occasione di episodi di cattivi odori e avere un quadro più approfondito delle eventuali sorgenti odorigene. Sono cinque i progetti di controllo di qualità dell’aria realizzati negli ultimi sei anni con vari enti di ricerca, come Arpat e Università di Firenze.

Le prime indagini sono iniziate sei anni fa

I monitoraggi sono iniziati sei anni fa. Il primo progetto è stato fatto in collaborazione con Arpat nel 2018 e replicato nel 2019, coinvolgendo un gruppo di residenti, i cosiddetti “nasi umani”, per segnalare eventuali cattivi odori. Le schede compilate dai segnalatori sono state trasmesse ad Arpat che ha analizzato i risultati. Da gennaio 2020 a marzo 2021 in convenzione con Arpat è stata installata una centralina in via Baldanzese, per verificare la concentrazione degli inquinanti in atmosfera. Nel 2020 il Comune ha sottoscritto un accordo con il Dipartimento di Fisica e Astronomia dell’Università di Firenze per effettuare un’analisi sullo stato dell’aria, in particolare sul PM10. Dal 2020 è stata avviata una collaborazione con uno studio di biologi per il biomonitoraggio lichenico di un’area che comprende varie zone cittadine, tra cui Settimello. Infine, il quinto progetto, di natura sperimentale, è stato attivato nell’ambito di un accordo con il Laboratorio per l’innovazione e per l’applicazione della robotica nel monitoraggio degli ambienti naturali, in partnership tra PIN e Unifi, che ha coinvolto un gruppo di cittadini volontari. Nei campioni è stata riscontrata la presenza di composti come benzene, etilbenzene e toluene, sempre a concentrazioni inferiori alle soglie di allarme ambientale. (red)

Potrebbe interessarti anche

Articoli Correlati


Territorio

12 aprile 2024

Produzione industriale ancora in calo a fine 2023 per la Toscana

Leggi tutto
Territorio

12 aprile 2024

Museimpresa, apertura speciale dell’Archivio Bitossi a Montelupo Fiorentino

Leggi tutto
Territorio

11 aprile 2024

Sciopero, alta adesione alla protesta di Cgil e Uil

Leggi tutto

Hai qualche consiglio?

Scrivi alla nostra redazione

Contattaci