24 maggio 2024

Logo t24Il quotidiano Economico Toscano
menu
cerca
Cerca
Territorio

11 aprile 2024

Sciopero, alta adesione alla protesta di Cgil e Uil

Morti sul lavoro, giustizia fiscale, un nuovo modello sociale e di impresa. Sono i punti cardine dello stop al lavoro che si è tenuto oggi.

La manifestazione a Firenzee

E’ stata una giornata di sciopero nazionale per tutti i settori privati, uno stop al lavoro di 4 ore indetto da Cgil e Uil (8 ore per il settore edile). Cisl non ha partecipato, ha invece comunicato che il suo segretario regionale, Ciro Recce, si è dimesso per raggiunti limiti di mandato. Fino al 2025 la Cisl Toscana sarà dunque guidata da un reggente. Tornando allo sciopero, la protesta di sindacati e lavoratori ruotava intorno alla piaga dei morti sul lavoro, chiedeva una giusta riforma fiscale e un nuovo modello sociale e di fare impresa. Nell’occasione, si sono svolti vari presìdi e cortei nei territori della regione, mentre a Firenze ha avuto luogo l’assemblea generale di Cgil Toscana e di Uil Toscana, presso l’Auditorium al Duomo, con apertura di Paolo Fantappiè (segretario generale Uil Toscana), interventi di delegate e delegati, conclusioni di Rossano Rossi (segretario generale Cgil Toscana).

I primi dati sullo sciopero dicono dell’ottima riuscita della protesta. Altissima adesione (punte del 90%) nelle cave lucchesi e carraresi, alta adesione media nel metalmeccanico, buona adesione nell’edilizia, adesione importante nei servizi (sul 70%), buona adesione in commercio e turismo, adesione media tra il 70 e l’80% tra in pelletteria-elettrico-calzaturiero-vetro-gomma plastica, buona adesione (con punte del 100%) in merci e logistica. Lo sciopero nei trasporti su gomma è previsto nel pomeriggio-sera.

“Le morti sul lavoro sono inaccettabili”

“Le morti sul lavoro sono inaccettabili – ha ammonito il segretario della Cgil toscana Rossano Rossi-, oggi abbiamo scioperato e dalla Toscana si alza un messaggio forte verso il Governo e le controparti: ascoltateci. Inoltre sabato 20 aprile saremo in piazza a Roma, perché tutta questa situazione è determinata da leggi sbagliate, da controlli insufficienti, da mancata formazione, in un contesto del mondo del lavoro che è caratterizzato da precarietà e bassi salari, terreno ideale per favorire gli infortuni sul lavoro. C’è anche la necessità di una giusta riforma fiscale. I servizi si garantiscono se le tasse che ci sono nel Paese vengono pagate in maniera equa, progressiva e soprattutto da tutti, altro che la flat tax del Governo”. Dal canto suo Paolo Fantappiè, segretario generale Uil Toscana, ha detto che “la strage di Suviana non è una semplice fatalità: quando non vengono rispettate le norme sulla sicurezza sono omicidi sul lavoro. Chi non le rispetta non deve più lavorare: niente appalti pubblici o privati. Serve cambiare completamente la cultura della sicurezza in questo Paese. Noi continueremo a combattere questa battaglia, la mobilitazione con la Cgil andrà avanti finché non arriveranno risposte. Non solo sulla sicurezza, ma anche per un lavoro stabile e di qualità, per una sanità veramente pubblica e universale, per un fisco equo e in generale per un nuovo modello sociale”.

Presidi e mobilitazioni in tutta la regione

In Toscana, ad Arezzo c’è stato un presidio fino alle 17 in piazza San Jacopo; a Le Sieci (Pontassieve) un concentramento in via Bellini angolo via Puccini, con corteo e comizio conclusivo al circolo Primo Maggio in via Mascagni; a Empoli presidio in piazza Vittoria. Per Le Sieci e Pontassieve si tratta di due luoghi che nei giorni scorsi sono stati teatro di gravi infortuni sul lavoro (nel primo caso, mortale). A Grosseto previsto un presidio in piazza fratelli Rosselli fino alle 12; a Livorno alle 9 è partito un corteo con concentramento davanti alla raffineria Eni; a Lucca c’è stato un presidio davanti alla Prefettura in piazza Napoleone così come a Massa davanti alla Prefettura in piazza Aranci. A Piombino (Li) fino alle 13 si è tenuta un’iniziativa presso saletta Quartiere Salivoli, mentre a Pisa (località Montacchiello) c’è stato un presidio-volantinaggio Filt Cgil-UilTrasporti presso magazzino Amazon ore 9-12; a Navacchio (Cascina) nella zona dell’area commerciale dei Borghi con volantinaggio itinerante di Filcams Cgil-UilTucs. A Poggibonsi corteo con partenza da in piazza Matteotti, a Chiusi Città e Montepulciano presìdi con volantinaggi davanti agli istituti scolastici superiori.

Le ragioni della protesta dei lavoratori

Secondo Cgil e Uil “c’è la necessità, sempre più impellente, di combattere davvero le morti sul lavoro. La salute e la sicurezza sul lavoro devono diventare un vincolo per poter esercitare l’attività d’impresa”. E’ necessario, quindi, “cancellare le leggi che negli anni hanno reso il lavoro precario e frammentato; superare il subappalto a cascata e ripristinare la parità di trattamento economico e normativo per le lavoratrici e i lavoratori di tutti gli appalti pubblici e privati”. E, siccome “non si può andare al lavoro senza una formazione adeguata”, serve il diritto alla formazione continua per tutte le lavoratrici e i lavoratori. “Occorrono – dicono – una vera patente a punti, per tutte le aziende e per tutti i settori, che blocchi le attività alle imprese che non rispettano le norme di sicurezza”.

E’ necessaria, inoltre, una seria riforma fiscale. “Lavoratori dipendenti e pensionati pagano oltre il 90% del gettito Irpef, mentre intere categorie economiche continuano a non pagare fino al 70% delle imposte dovute” denunciano Cgil e Uil. E l’evasione complessiva continua ad essere pari a 90 miliardi all’anno. “La delega che il governo sta applicando – spiegano – invece di combattere l’evasione fiscale e contributiva introduce nuove sanatorie, condoni e concordati. Inoltre non tassa gli extraprofitti, favorisce le rendite finanziare e immobiliari, il lavoro autonomo benestante e le grandi ricchezze. Questa impostazione del governo va contrastata ed invertita”. I sindacati chiedono un nuovo modello sociale e di impresa e spiegano: “Bisogna rimettere al centro delle politiche economiche e sociali del governo e delle imprese il valore del lavoro, a partire dal rinnovo dei contratti nazionali e da una legge sulla rappresentanza, la centralità della salute e della persona, la qualità di un’occupazione stabile e non precaria, una seria riforma delle pensioni, il rilancio degli investimenti pubblici e privati per riconvertire e innovare il sistema produttivo e puntare alla piena e buona occupazione a partire dal Mezzogiorno”. (redgs)

Potrebbe interessarti anche

Articoli Correlati


Territorio

23 maggio 2024

Immobiliare: Engel&Völkers amplia sede a Firenze (ma il problema è trovare case da vendere)

Leggi tutto
Territorio

23 maggio 2024

Fabbrica Europa, Confindustria chiede ai candidati di sostenere l’industria

Leggi tutto
Territorio

22 maggio 2024

Alluvione 2023, la Regione riapre il bando in aiuto alle imprese colpite

Leggi tutto

Hai qualche consiglio?

Scrivi alla nostra redazione

Contattaci