27 maggio 2024

Logo t24Il quotidiano Economico Toscano
menu
cerca
Cerca
Industria

22 settembre 2023

Rifiuti, Bigazzi (Confindustria): “dare risposte rapide alle esigenze delle imprese”

Alla vigilia della discussione del piano regionale, il presidente degli industriali chiede attenzione e invita la “politica a correre”.

Il tema è caldo, caldissimo. E riguarda tutti i cittadini ma soprattutto le imprese. Alla vigilia del dibattito sul piano rifiuti in commissione regionale, e se sarà approvato da quest’ultima, in discussione in Consiglio, il presidente di Confindustria Toscana, Maurizio Bigazzi avverte: “Il Consiglio regionale discuterà a breve il piano rifiuti ci aspettiamo una grande attenzione da parte di tutte le forze politiche alle esigenze delle imprese; esigenze che abbiamo più volte evidenziato nel corso del confronto di questi ultimi mesi”. Bigazzi ribadisce con chiarezza: “invitiamo la politica a correre; perché il tema della gestione dei rifiuti urbani e speciali e dei costi connessi è elemento di competitività per tutto il territorio toscano anche per la sua capacità di incidere sull’attrazione e la retention di imprese e investimenti produttivi”.

Recuperare i ritardi accumulati sul fronte dell’autosufficienza

“L’approvazione di un piano che sappia finalmente recuperare i ritardi accumulati dalla nostra regione sul fronte dell’autosufficienza nella gestione e nello smaltimento dei rifiuti urbani e speciali – aggiunge Bigazzi -; e che realizzi una gestione efficace ed efficiente, capace di ridurre i costi a carico di imprese e cittadini; è un obbiettivo strategico non solo per il sistema industriale toscano, ma per tutta la popolazione”.

“La situazione toscana dopo molti anni di difficoltà a realizzare l’impiantistica necessaria”, spiega Confindustria Toscana, “si presenta estremamente critica soprattutto per alcuni comparti e per determinate realtà distrettuali, spesso costretti a trovare soluzioni di gestione, recupero o smaltimento al di fuori dei confini regionali, con incremento di costi e venendo meno a quei principi di autosufficienza e prossimità (almeno regionale) che dovrebbero costituire un punto di riferimento anche per queste tipologie di rifiuti”.

Adeguate risposte alla carenza impiantistica

E’ fondamentale anche dare una risposta adeguata ed urgente alla carenza impiantistica e, pur non entrando nel merito delle varie soluzioni impiantistiche, che devono essere valutate dal punto di vista tecnico e tecnologico” spiega ancora Confindustria Toscana, “evidenziamo però come non si debbano porre pregiudiziali nei confronti di nessuna tipologia di recupero; al netto infatti delle priorità individuate a livello comunitario, non può essere escluso a priori il recupero energetico che in molti territori in Italia e in Europa rappresenta una soluzione ampiamente utilizzata e consolidata”. (sg)

Potrebbe interessarti anche

Articoli Correlati


Industria

24 maggio 2024

Baker Hughes, nuova commessa multimilionaria in Algeria con Maire Tecnimont

Leggi tutto
Industria

17 maggio 2024

La Regione apre il Tavolo moda e scrive a Urso, le imprese aspettano misure

Leggi tutto
Industria

16 maggio 2024

El.En. rallenta ancora, obiettivi 2024 più difficili da raggiungere

Leggi tutto

Hai qualche consiglio?

Scrivi alla nostra redazione

Contattaci