28 maggio 2024

Logo t24Il quotidiano Economico Toscano
menu
cerca
Cerca
Industria

02 febbraio 2024

Pramac lancia il Power Hub per ricaricare i veicoli elettrici

Il nuovo dispositivo è stato già testato in un’area di servizio. L’azienda ha chiuso il 2023 a 475 milioni di fatturato.

Tags

Ricariche veloci per i veicoli elettrici, riducendo gli sprechi e garantendo un’alimentazione affidabile anche durante interruzioni di rete: è quanto rende possibile il nuovo Power Hub di Pramac, l’azienda senese del gruppo Generac, che dopo aver chiuso il 2023 con un fatturato intorno ai 475 milioni di euro ha testato con successo il nuovo dispositivo a Sansepolcro (Arezzo), in un’area di servizio del gruppo Piccini Paolo, e l’ha presentato in un evento a cui hanno partecipato, fra gli altri, l’assessore regionale all’Economia Leonardo Marras e il direttore generale di Confindustria Toscana Sud Antonio Capone.

Il Power Hub è un’unità costituita da un gruppo elettrogeno a gas, che può funzionare anche a biometano, e un sistema di accumulo di energia a batteria che ottimizza la gestione dell’alimentazione, supportando le esigenze di picco per la ricarica veloce di veicoli elettrici. Power Hub rende possibile usare una gamma diversificata di fondi di produzione e accumulo, con la possibilità di usare l’energia prodotta anche da impianti fotovoltaici, e la stessa rete elettrica nazionale. Secondo Pramac, con l’integrazione di un Sistema di Gestione dell’Energia (Ems) il Power Hub riduce gli sprechi e migliora l’efficienza energetica.

Progetto Must con Università e aziende

Il Power Hub di Pramac nasce nella cornice del Progetto Must (Multi Fuel Smart Charging Station) volto allo sviluppo di soluzioni innovative a supporto delle stazioni di servizio per le ricariche dei veicoli elettrici. L’iniziativa è stata portata avanti da un partenariato accademico con l’Università di Firenze e Pisa, di aziende toscane del settore, capofila Pramac, ed è stata supportata dalla Regione Toscana.

“Come Pramac ci teniamo molto a essere un attore responsabile nei confronti del territorio in cui operiamo – ha affermato Niccolò Borracchini, direttore generale del gruppo Pramac – e per questo siamo molto contenti di essere riusciti a sviluppare questa collaborazione tra aziende toscane e le Università di Pisa e Firenze. Ringraziamo il nostro partner Piccini Paolo Spa per la professionalità e il supporto in questo percorso che ci ha portato ad una soluzione innovativa come quella installata a Sansepolcro. La nostra azienda rimane saldamente impegnata nello sviluppo di prodotti e servizi tecnologicamente all’avanguardia e sempre più sostenibili, promuovendo la transizione verso un futuro energetico più pulito, resiliente ed efficiente”. (lt)

Potrebbe interessarti anche

Articoli Correlati


Industria

28 maggio 2024

Cresce il fatturato di Salov nel 2023 (+5%) ma calano i volumi di olio (-12,5%)

Leggi tutto
Industria

24 maggio 2024

Baker Hughes, nuova commessa multimilionaria in Algeria con Maire Tecnimont

Leggi tutto
Industria

17 maggio 2024

La Regione apre il Tavolo moda e scrive a Urso, le imprese aspettano misure

Leggi tutto

Hai qualche consiglio?

Scrivi alla nostra redazione

Contattaci