20 giugno 2024

Logo t24Il quotidiano Economico Toscano
menu
cerca
Cerca
Impresa

18 agosto 2023

Multiutility, la Cgil si allea coi comitati contro la quotazione in Borsa

Incontro fra il vertice del sindacato regionale e le associazioni che sostengono la soluzione “tutta pubblica”.

La quotazione in Borsa della Multiutility Toscana in prospettiva 2025 non s’ha da fare: è la posizione (già nota) della Cgil regionale e del Coordinamento regionale Comitati e Associazioni no Multiutility, che raduna una ventina di sigle in tutto. La novità è l’incontro che si è svolto a Firenze fra il segretario generale Rossano Rossi, affiancato da Fabio Berni e Maurizio Brotini, e i rappresentanti dei comitati, quasi a suggellare un’alleanza contraria al progetto di sbarco a Piazza Affari, che secondo il management dell’azienda, e i sindaci promotori del progetto, è la via migliore per acquisire la forza finanziaria che serve per investire.

“Ripubblicizzare tutti i servizi essenziali”

La quotazione in Borsa della Multiutility Toscana, secondo i comitati, rappresenta infatti “un serio pericolo per la tutela dei beni comuni, per il contenimento delle tariffe, per la tutela delle condizioni lavorative e per il ripristino del controllo pubblico”. La proposta è quella di “una reale pubblicizzazione di tutti i servizi essenziali, a partire dall’acqua, nel vero rispetto del parere dei cittadini espresso con il referendum” del 2011, e per questo motivo “continueranno il loro percorso verso la realizzazione di un modello di gestione che tenga conto dei principi di tutela delle risorse, di tutti i lavoratori e le lavoratrici, dell’equità per la soddisfazione dei bisogni di tutti i comuni serviti e per la maggiore economicità delle tariffe in favore di tutti gli abitanti”.

Associazioni e sindacato, dunque, “invitano i cittadini a seguire le iniziative future che li vedranno coinvolti con l’intento di contribuire alla realizzazione di una società completamente pubblica, al servizio dei cittadini e rispettosa dei lavoratori e delle lavoratrici”. E contribuire, per le forze contrarie alla quotazione, attraverso “un processo realmente partecipato da tutte le parti a tutela della gestione dei beni fondamentali, delle lavoratrici e dei lavoratori, delle e degli utenti”. (lt)

Potrebbe interessarti anche

Articoli Correlati


Impresa

20 giugno 2024

Pitti Bimbo soffre il calo di negozi e prepara l’edizione 100 del rilancio

Leggi tutto
Sviluppo

19 giugno 2024

Il fondo immobiliare inglese Setha pronto ad acquistare il Porto di Cecina

Leggi tutto
Impresa

19 giugno 2024

La senese QuestIT utilizza l’IA e fa rivivere Dante

Leggi tutto

Hai qualche consiglio?

Scrivi alla nostra redazione

Contattaci