23 giugno 2024

Logo t24Il quotidiano Economico Toscano
menu
cerca
Cerca
Industria

27 febbraio 2024

Lucart (carta) studia l’apertura del capitale per crescere all’estero

La famiglia lucchese Pasquini ha dato mandato alla banca d’affari americana Lincoln International. Si punta a produrre in nuovi mercati,

Silvia Pieraccini

Oggi produce carta igienica, asciugatutto, fazzoletti e carte monolucide in Italia (dove ha cinque stabilimenti), in Francia, Ungheria, Regno Unito (una fabbrica per ciascun Paese) e in Spagna (due stabilimenti). Ma per crescere ancora a livello internazionale, magari sbarcando oltreoceano per andare alla conquista del mercato del tissue (la carta per uso igienico e domestico) più appetibile al mondo, la lucchese Lucart ha deciso di aprire il capitale a soci esterni alla famiglia. Lo rivela Il Sole 24 Ore in edicola oggi, 27 febbraio. Attualmente il 100% di Lucart fa capo a 25 membri della famiglia lucchese Pasquini.

Mandato alla banca d’affari Lincoln International

Lucart Group ha affidato un mandato alla banca d’affari americana Lincoln International, che sarà financial e debt advisor. Interessati all’ingresso nel capitale di Lucart – si segnala – potrebbero essere i grandi player del private equity internazionale. Gli obiettivi sono spingere la crescita e la redditività. Nel piano strategico 2024-2029 sono previste acquisizioni o investimenti greenfield in stabilimenti da costruire ex-novo.

Fatturato 2022 a 717 milioni di euro, ebitda oltre 100 milioni

Nel 2022 il fatturato di Lucart ha superato i 717 milioni di euro, con una crescita in valore del 31% (e un aumento di 37mila tonnellate, salite a 642mila), un ebitda di oltre 100 milioni, 1.700 addetti nei dieci stabilimenti produttivi e nel centro logistico di Altopascio. Le materie prime utilizzate sono carta da riciclare per il 56% e cellulosa vergine per il 44%, e questo ne fa uno degli operatori del tissue più attenti alla sostenibilità. L’obiettivo indicato al 2030 è arrivare ad utilizzare il 60% di carta da riciclare come materia prima. Intanto nel 2022 Lucart ha ridotto l’uso di acqua del 5,9% rispetto al 2021; ha ridotto il consumo di energia specifico del 7,4%; ha ridotto le emissioni in atmosfera dell’11%. I rifiuti recuperati sono saliti all’81,2% con l’obiettivo di arrivare al 90% nel 2030. Il 100% degli imballaggi sono riciclabili o compostabili.

Autore:

Silvia Pieraccini

Potrebbe interessarti anche

Articoli Correlati


Industria

20 giugno 2024

Sesa cresce (più del mercato) e nel 2024-25 rafforza il welfare aziendale

Leggi tutto
Industria

20 giugno 2024

Tregua su Amadori, un addio con garanzie (anche per gli avventizi)

Leggi tutto
Industria

18 giugno 2024

Piombino, bonus-welfare per gli operai Jsw (e il 3 luglio si va a Roma)

Leggi tutto

Hai qualche consiglio?

Scrivi alla nostra redazione

Contattaci