18 agosto 2022

Logo t24
Il quotidiano Economico Toscano
menu
cerca
Cerca
Impresa

06 luglio 2022

La farmaceutica brilla, Takeda e Gsk investono in Toscana

La multinazionale giapponese raddoppia la produzione di albumina a Pisa, quella britannica riorganizza (con 19 milioni) la ricerca a Siena.

Silvia Pieraccini

un laboratorio della multinazionale britannica Gsk

La ricerca farmaceutica attira investimenti in Toscana, regione già oggi ai vertici in Italia per presenza di industrie delle scienze della vita, e impegnata in una fase di potenziamento del settore che va dalla costruzione dell‘hub logistico all’interporto di Livorno, alla nascita dell’hub contro le pandemie a Siena (il cosiddetto Biotecnopolo), fino alla rete Tuscany Health Ecosystem nata nei giorni scorsi per aggregare le competenze scientifiche del mondo accademico e farle dialogare con l’industria. A questi progetti si collega una pioggia di risorse, pubbliche e private, destinate a migliorare la competitività del settore.

Nel frattempo, le multinazionali già presenti sul territorio spingono sull’acceleratore della crescita. E’ il caso della giapponese Takeda e della britannica Gsk, che stanno investendo in ricerca e sviluppo a supporto degli stabilimenti produttivi.

Takeda investe due milioni in controllo qualità a Pisa…

Takeda ha inaugurato (il 5 luglio) a Pisa un innovativo laboratorio controllo qualità, piccolo ma strategico: 300 metri quadrati, investimento di due milioni di euro, servirà a eseguire internamente test che finora venivano fatti all’estero, aumentando la sicurezza dei farmaci plasmaderivati che qui vengono realizzati (200 gli addetti). Il nuovo laboratorio sosterrà anche gli incrementi di capacità produttiva previsti nei prossimi tre anni: l’obiettivo è raddoppiare la produzione di albumina (la proteina estratta dal plasma che serve per il trattamento di molte patologie), arrivando a 150 tonnellate all’anno.

…. e più di 47 milioni nella produzione

In quest’ottica Takeda ha già annunciato altri 47 milioni di investimenti a Pisa: 30 milioni per ridurre le emissioni di anidride carbonica (-40% rispetto al 2016) e migliorare efficienza e infrastrutture dello stabilimento, e 17,4 milioni per l’installazione di una linea all’avanguardia (isolator technology) per la lavorazione di albumina. “Questo significherà nuove assunzioni – hanno detto Annarita Egidi, ad di Takeda Italia e Massimiliano Barberis, ad di Takeda Manufacturing – e confermerà il ruolo di Pisa come fornitore di albumina per l’intero gruppo nei Paesi in via di sviluppo”.

Gsk riorganizza il campus di Siena (e investe 19 milioni)

Inaugura un nuovo approccio all’innovazione anche il colosso dei vaccini Gsk, che oggi, 6 luglio, a Siena taglia il nastro dello Smart Lab: con un investimento di 19 milioni i sette edifici del campus Gsk di Torre Fiorentina sono stati riuniti in un unico building da quattromila metri quadrati su sei livelli, dedicato al gruppo di Ricerca e sviluppo tecnico (Trd) che conta 130 collaboratori. Nuova è l’organizzazione del lavoro: spazi aperti e non assegnati, uguali per tutti indipendentemente dal ruolo o dall’attività svolta; condivisione degli strumenti e del know how per far prosperare la scienza evitando duplicazioni.

Il Trd Smart Lab è un ponte tra ricerca e industria perché ha il compito di sviluppare i processi per passare dalla produzione in piccola scala degli antigeni identificati in ricerca alla produzione su larga scala di vaccini. Quei vaccini che oggi Gsk realizza a Rosia, a 15 chilometri da Siena, nel polo che occupa quasi duemila persone, nel 2021 ha prodotto 30 milioni di dosi ed è un punto di riferimento mondiale per il settore (qui sono stati sviluppati i vaccini contro la pertosse, contro i principali ceppi del meningococco e l’antinfluenzale con adiuvante).

Autore:

Silvia Pieraccini

Potrebbe interessarti anche

Articoli Correlati


Industria

10 agosto 2022

Dieci milioni per il distretto tessile di Prato, c’è il decreto

Leggi tutto
Industria

01 agosto 2022

Filiera moda, Masoni (Lvhm) entra in Ulivieri & Nardi

Leggi tutto
Industria

01 agosto 2022

Lucca, Pistoia e Prato: produzione +3,7% nel secondo trimestre

Leggi tutto

Hai qualche consiglio?

Scrivi alla nostra redazione

Contattaci