27 maggio 2024

Logo t24Il quotidiano Economico Toscano
menu
cerca
Cerca
Territorio

02 ottobre 2023

Il marmo di Carrara al rebus della filiera corta

Scadono le concessioni comunali per l’attività estrattiva: per avere la proroga occorre lavorare nel distretto il 50% dei materiali estratti.

Silvia Pieraccini

Nel distretto lapideo apuano è tornata d’attualità la (antica) discussione su come valorizzare la filiera produttiva, e dunque su come aumentare la ricchezza prodotta sul territorio e i posti di lavoro in un settore strategico per l’economia locale. E sono ripartite le polemiche sulla legge regionale n. 35 del 2015 che sta per spargere i primi potenti effetti, visto che prevede la decadenza di buona parte delle concessioni per l’attività estrattiva rilasciate dai Comuni di Massa e di Carrara tra poche settimane, il 31 ottobre 2023 (a sette anni dall’entrata in vigore della legge).

Lo spettro delle gare

A quel punto le concessioni saranno messe – per la prima volta – in gara, a meno che il “vecchio” titolare garantisca (formalizzando l’impegno in una convenzione) la lavorazione di almeno il 50% del materiale da taglio nel sistema produttivo locale, ottenendo così una proroga fino a un massimo di 25 anni. L’impegno dovrà essere dimostrato attraverso un sistema di tracciabilità del prodotto. Lo stesso titolare – afferma l’art. 38 comma 6 della legge regionale – potrà impegnarsi anche a investire in un progetto d’interesse generale per il territorio che crei occupazione, migliori l’ambiente o le infrastrutture.

L’obiettivo di diminuire l’export di blocchi

L’idea alla base della norma – che interessa soprattutto il Comune di Carrara dov’è concentrata la maggior parte delle cave – è che lavorare il marmo estratto all’interno del distretto, anziché esportarlo in blocchi grezzi per essere lavorato altrove (spesso in Cina e Brasile dove la manodopera costa meno), aumenti il valore aggiunto e dunque l’impatto positivo sull’economia locale. Ma politica, industria e sindacati sono divisi sulla bontà della cosiddetta “filiera corta”.

Le divisioni sulla ‘filiera corta’

Gli industriali di Massa e di Carrara non hanno mai nascosto le perplessità di fronte alla norma sul 50% di lavorazione ‘in loco’, definita inattuabile e rischiosa, tanto che hanno presentato vari ricorsi contro le modifiche apportate nell’aprile 2022 al regolamento comunale per la concessione degli agri-marmiferi, che ha dato attuazione alla legge 35/2015. Il centrodestra, attraverso il consigliere comunale Simone Caffaz, ha evocato nei giorni scorsi il timore dell’oligopolio, “con la scomparsa dei piccoli imprenditori e dei commercianti, e una concorrenza basata solo sul prezzo”. Il Pd e la Cgil, invece, ritengono che la norma sul 50% sia un’opportunità per creare valore sul territorio, mentre la Cisl critica il regolamento comunale sugli agri-marmiferi (in particolare l’articolo 21 accusato di non essere chiaro su chi fa le opere, come le fa e di che tipologia) e considera la normativa regionale e comunale un’occasione persa per cambiare approccio e visione.

Infine gli industriali lapidei della Versilia – che estraggono marmo sempre dalle Alpi Apuane, ma sul versante lucchese – non vedono “alcuna minaccia nella promozione della filiera corta del marmo”, ha affermato in un comunicato Fabrizio Palla, presidente della sezione Lapidei di Confindustria Toscana nord (Lucca, Pistoia, Prato), e sono convinti che “la maniera migliore per operare nel nostro settore sia non limitarsi all’estrazione e esportazione del materiale ma generare valore aggiunto per il territorio lavorandolo in loco”. Già oggi nel territorio versiliese la lavorazione ‘in loco’ supera il 65% del marmo estratto, affermano gli industriali che ora puntano a migliorare ancora questo risultato.

Il Comune di Carrara alle prese con 74 convenzioni

Intanto il Comune di Carrara è al lavoro per firmare le convenzioni con le imprese estrattive che si impegnano a lavorare nel distretto il 50% del marmo estratto, ottenendo così la proroga della concessione in scadenza. La prima convenzione è stata firmata il 4 luglio scorso e la proroga, stabilita sulla base delle lavorazioni garantite e degli investimenti previsti, è di 18 anni. Complessivamente sono 74 le imprese estrattive che vedranno scadere la concessione il 30 ottobre prossimo: per ottenere la proroga, dovranno formalizzare gli impegni.

Autore:

Silvia Pieraccini

Potrebbe interessarti anche

Articoli Correlati


Territorio

23 maggio 2024

Immobiliare: Engel&Völkers amplia sede a Firenze (ma il problema è trovare case da vendere)

Leggi tutto
Territorio

23 maggio 2024

Fabbrica Europa, Confindustria chiede ai candidati di sostenere l’industria

Leggi tutto
Territorio

22 maggio 2024

Alluvione 2023, la Regione riapre il bando in aiuto alle imprese colpite

Leggi tutto

Hai qualche consiglio?

Scrivi alla nostra redazione

Contattaci