27 maggio 2024

Logo t24Il quotidiano Economico Toscano
menu
cerca
Cerca
Territorio

01 febbraio 2023

“I distretti toscani crescono anche al netto dell’effetto-prezzi”

Il report di Intesa Sanpaolo stima un aumento “reale” delle esportazioni del 7% nel 2022 rispetto al 2019. Chi corre e chi soffre.

Silvia Pieraccini

Capire se le esportazioni dei distretti toscani crescono “davvero”, in questa fase di prezzi in rialzo per tamponare aumenti dei costi aziendali e inflazione, richiede un complesso lavoro d’indagine. L’ufficio studi di Banca Intesa Sanpaolo, che ogni tre mesi elabora un ‘Monitor’ sull’andamento dell’export dei distretti italiani, ha provato a stimare la variazione delle esportazioni al netto dell’effetto-prezzo ed è arrivato a questa conclusione: “Per le produzioni manifatturiere dei distretti toscani la crescita dell’export resta consistente – scrivono i ricercatori – sia nel confronto con il 2021 (+8,9%), sia rispetto al 2019 (+7,1%), a dimostrazione dell’elevata reattività e competitività delle specializzazioni distrettuali“.

Crescita reale e crescita nominale

Per capire l’effetto-prezzo, la crescita “reale” dell’export dei distretti toscani al +8,9% (rispetto al 2021) va messa in relazione col +15,1% “nominale” calcolato da Intesa Sanpaolo (18 miliardi di euro di esportazioni nei primi nove mesi dell’anno scorso); mentre il +7,1% “reale” (rispetto al 2019) va confrontato col +17,4% “nominale”.

La carta di Lucca corre, le scarpe soffrono

Il distretto toscano che è cresciuto di più, sul fronte export, proprio rispetto al 2019 è quello cartario di Lucca (+55% in valore), mentre il distretto che mostra ancora ferite rispetto al pre-Covid è quello calzaturiero, sia di Lucca (-14%) che di Lamporecchio (-27%). Per il resto i distretti del sistema moda hanno tutti ripreso a marciare – coprono il 70% dell’export distrettuale – “con un percorso di recupero post pandemia che – afferma il Monitor distretti – evidenzia crescite migliori per le imprese posizionate nell’alto di gamma e nel lusso”. Bene sia la pelletteria di Firenze (+14% sul 2021), che l’abbigliamento di Empoli (+13%) fino al tessile e abbigliamento di Prato (+22%).

I gioielli di Arezzo accelerano, i camper frenano ancora

Importante è il recupero della gioielleria di Arezzo (anche se qui le difficoltà sono legate al fatto che il prodotto incorpora spesso il prezzo, variabile, della materia prima-oro), che segna +25% dell’export nei primi nove mesi grazie alla crescita – si spiega – nei principali mercati di sbocco come Emirati Arabi Uniti e Stati Uniti, e alla ripresa dei flussi verso l’Algeria per effetto dei provvedimenti legislativi adottati dal mercato nordafricano che ha semplificato le modalità di regolamento. Soffre la camperistica della Valdelsa (-28% sul 2021), che da mesi e mesi produce a rilento per la mancanza dei microchip che comandano i telai su cui viene montata la “casa mobile”.

Autore:

Silvia Pieraccini

Potrebbe interessarti anche

Articoli Correlati


Territorio

23 maggio 2024

Immobiliare: Engel&Völkers amplia sede a Firenze (ma il problema è trovare case da vendere)

Leggi tutto
Territorio

23 maggio 2024

Fabbrica Europa, Confindustria chiede ai candidati di sostenere l’industria

Leggi tutto
Territorio

22 maggio 2024

Alluvione 2023, la Regione riapre il bando in aiuto alle imprese colpite

Leggi tutto

Hai qualche consiglio?

Scrivi alla nostra redazione

Contattaci