27 settembre 2022

Logo t24
Il quotidiano Economico Toscano
menu
cerca
Cerca
Impresa

24 agosto 2022

“Gli aumenti energetici sono peggio della pandemia”

Confindustria Toscana nord (Prato, Pistoia, Lucca) rilancia l’allarme sulla tenuta delle imprese e dell’occupazione.

Il trattamento fiscale sui costi energetici (dati Eurostat)

E‘ sempre difficile mettere in fila le criticità quando sono causa di crisi e rischi aziendali. Ma nella scala di gravità del presidente degli industriali di Prato, Pistoia e Lucca (Confindustria Toscana nord), Daniele Matteini, l’eccezionale aumento dei costi energetici in atto batte ormai tutti gli ostacoli del recente passato: “Il quadro è, almeno dal punto di vista economico, perfino più fosco di quello della pandemia – afferma Matteini in un intervento diffuso ai giornali – è il momento di mettere sul tavolo tutte le carte possibili, nessuna esclusa”, sollecita.

I fornitori di energia sono titubanti a firmare nuovi contratti

Il nodo non è solo l’eccezionale aumento della bolletta energetica, ma anche la stipula di nuovi contratti che i fornitori sono titubanti a sottoscrivere nel timore di non riuscire a garantire le forniture. “Le imprese debbono rimanere in piedi – afferma Matteini nel giorno in cui si susseguono, anche in Toscana, gli annunci di chiusure di aziende a causa di bollette troppo elevate – dalla sopravvivenza delle imprese passa anche la tenuta sociale. Se le imprese chiudono, i dipendenti vanno a casa. E’ ora di considerare energia e gas per quello che sono: fattori competitivi essenziali”.

La ricetta di Matteini è fatta di tre “sì”: sì al piano di razionamento chiesto dal presidente di Confindustria Carlo Bonomi, da vedere come extrema ratio in caso di gravi problemi di disponibilità; sì a un price cap che tenga conto delle priorità dell’economia nazionale, o ancor meglio a provvedimenti in questa direzione a livello europeo; sì a analisi che, nel rispetto delle regole del mercato, individuino e neutralizzino fattori speculativi.

“La politica europea e nazionale non deve lasciare nulla di intentato – conclude il presidente di Confindustria Toscana nord – personalmente non vedo come un tabù, anche se capisco le remore in proposito, l’ipotesi di finalizzare l’extra gettito delle imprese fornitrici ad alleviare in maniera diretta o indiretta, immediata o differita nel tempo, i disagi che imprese e famiglie stanno vivendo”.

Il grado d’allarme di Confindustria si aggiunge a quelli delle altre categorie, a partire da Confcommercio che – partendo proprio da Firenze – ha invitato gli associati alla Fipe (la federazione dei pubblici esercizi) ad esporre in vetrina le bollette del 2021 e del 2022, per far vedere ai clienti quanto sono aumentate.

Potrebbe interessarti anche

Articoli Correlati


Territorio

26 settembre 2022

La carica del proporzionale: ecco gli eletti in Toscana

Leggi tutto
Territorio

26 settembre 2022

Rigassificatore di Piombino appeso al nuovo Governo

Leggi tutto
Territorio

26 settembre 2022

Consiglio regionale, Baldini subentra a Montemagni

Leggi tutto

Hai qualche consiglio?

Scrivi alla nostra redazione

Contattaci