23 febbraio 2024

Logo t24Il quotidiano Economico Toscano
menu
cerca
Cerca
Top Aziende

15 giugno 2023

Etruria Retail: ricavi +3% nel 2022, si lavora a nuove aperture

Il franchisee di Carrefour in Toscana ha chiuso l’anno con un utile di 4,3 milioni di euro, con 246 milioni di fatturato realizzato.

Tags

Oltre 450 milioni di vendite al pubblico e 246 milioni di fatturato (+3% sul 2021) nel bilancio 2022 per Etruria Retail, player della grande distribuzione organizzata del Centro Italia, con 150 negozi a insegna Carrefour e 158 a insegna La Bottega Sapori & Valori in quattro regioni italiane – di cui 223 in Toscana. L’utile netto è di 4,3 milioni di euro: su tale base l’assemblea dei soci, riunitasi a Siena, ha deciso di distribuire 2,8 milioni di euro di utili ai soci. Il capitale investito è di 67,1 milioni di euro, e cresce anche il patrimonio netto, che sfiora i 47 milioni di euro.

In programma nuove aperture

Dopo le due nuove aperture del 2022, “stiamo continuando a lavorare per lo sviluppo della rete e per nuove aperture”, afferma Graziano Costantini, direttore generale di Etruria Retail. “Siamo ancora in una cornice generale d’instabilità – spiega – eppure la nostra azienda continua a guardare avanti con fiducia, forte dei suoi valori e dello spirito di squadra che ci caratterizza da oltre 60 anni. I numeri del bilancio lo dimostrano. Il fenomeno che più ha caratterizzato l’esercizio è stato l’inflazione che ci ha costretti ad una difficile gestione del rapporto con i fornitori, con i nostri associati e con i consumatori”.

La composizione merceologica delle vendite 2022 di Etruria Retail fotografa una situazione in cui i generi vari rappresentano il 48%, seguiti dal settore salumi e latticini (24%); ortofrutta (12%), carni (10%) e pesce fresco (6%). La quota maggiore delle vendite si realizza nell’area di Arezzo, Grosseto e Siena (55%), seguita dalla Toscana nord e dalla provincia de La Spezia (32%), Umbria, Lazio e Abruzzo (13%). A livello provinciale, vanno in doppia cifra Grosseto, con il 24%, Siena (19%) e Arezzo (12%). Per quanto riguarda la composizione delle vendite relative alle insegne, l’83% delle vendite si registra in quelle Carrefour così distribuiti: Carrefour Express, 35%, Market, 29% e Store, 19%, seguiti da Bottega Sapori e Valori, al 10%, e altre insegne, al 7%.

Potrebbe interessarti anche

Articoli Correlati


Impresa

22 febbraio 2024

Ds Smith posticipa il maxi-investimento nella cartiera di Porcari

Leggi tutto
Impresa

22 febbraio 2024

Turismo: Towns of Italy si espande al Sud e punta a 30 milioni di ricavi nel 2024

Leggi tutto
Impresa

21 febbraio 2024

Moda: Monnalisa conquista la licenza bimba di Philosophy

Leggi tutto

Hai qualche consiglio?

Scrivi alla nostra redazione

Contattaci