18 giugno 2024

Logo t24Il quotidiano Economico Toscano
menu
cerca
Cerca
Scuola

22 gennaio 2024

Due milioni dal Miur per digitalizzare e proteggere monumenti e opere d’arte

Dopo la partecipazione di Unifi a Expo 2020 Dubai, finanziato un progetto per creare un centro di ricerca e alta formazione nell’area mediorientale.

Rilevazione in un sito siriano

Digitalizzazione 3D, creatività digitale e intelligenza artificiale; ma anche riproduzione fisica e formazione. Con questi strumenti l’Università di Firenze si schiera in difesa del patrimonio culturale, proteggendolo da ogni tipo di minaccia, da quelle naturali a quelle antropiche.

Il progetto Chedar (Cultural Heritage Digitization And Reconstruction), coordinato da Grazia Tucci, docente di Geomatica per la conservazione del Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale (DICEA), ha ottenuto un finanziamento di 2.360.000 euro dal Ministero dell’Università e della Ricerca, nell’ambito dell’avviso per la presentazione di proposte per “Progetto di rilevante interesse internazionale Legacy Expo 2020 Dubai”.

La proposta di Unifi si è piazzata al primo posto

Il bando prevedeva tre linee di intervento, orientate alla realizzazione di altrettante strutture per l’avvio e il primo sviluppo dei progetti di ricerca e alta formazione nella regione mediorientale, configurate come eredità della partecipazione italiana a Expo 2020 Dubai.

La proposta Unifi si è piazzata al primo posto nella tipologia volta a realizzare un centro di ricerca e alta formazione finalizzato allo studio, al trasferimento tecnologico e alla creazione di competenze specializzate nei settori della digitalizzazione, conservazione e ricostruzione dei beni culturali nell’area che si estende al Mediterraneo allargato, ai paesi del Golfo, al sud-est Asiatico e all’Africa settentrionale.

Il progetto Unifi intende realizzare un centro di ricerca e alta formazione finalizzato allo studio, al trasferimento tecnologico e alla creazione di competenze specializzate nei settori della digitalizzazione, conservazione e ricostruzione dei beni culturali nell’area che si estende al Mediterraneo allargato, ai paesi del Golfo, al sud-est Asiatico e all’Africa settentrionale.

La docente: “Vogliamo creare un hub di riferimento”

“Vogliamo creare un hub di riferimento sia per lo studio del patrimonio culturale che per la progettazione di eventi di arte contemporanea che si avvalgono di tecnologie digitali per la produzione artistica” spiega Grazia Tucci.

Digitalizzazione 3D, diagnostica, riproduzione – numerica e fisica –, sono temi che devono trovare nuove forme di dialogo con le tecniche di conservazione e restauro. Solo attraverso una sinergia tra metodi di conoscenza, di gestione dei dati e di intervento si possono affrontare le ‘delicate’ tematiche della ricostruzione, intera o parziale, di manufatti ed edifici storici, e fornire risposte efficaci alla vasta gamma di problemi relativi a prevenzione e gestione del rischio per i beni culturali: dagli eventi naturali e ambientali come i terremoti fino a quelli causati dall’uomo, come guerre e atti di terrorismo. Infine – conclude Tucci – la digitalizzazione delle opere d’arte permetterà di ampliare le forme di accesso al patrimonio culturale e di esplorare nuovi scenari creativi”.

Una task force di specialisti di numerose materie

Le attività del progetto saranno articolate in sette unità di lavoro coordinate dal Dicea, nelle quali lavoreranno in collaborazione il Dipartimento di Formazione, Lingue, Intercultura, Letterature e Psicologia (FORLILPSI), il Dipartimento di Storia, Archeologia, Geografia, Arte e Spettacolo (SAGAS), il Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione (DINFO) e il Dipartimento di Chimica “Ugo Schiff” (DICUS).

Inoltre, sono coinvolti il Consiglio nazionale delle Ricerche, l’Accademia delle Belle Arti Carrara, l’Istituto Centrale per il Restauro, l’Istituto Superiore per le Industrie Artistiche di Firenze, l’Università della Tuscia, l’Università di Cassino e del Lazio Meridionale, l’Università Roma Tre, Università Campus Bio-Medico di Roma e l’Università di Roma “La Sapienza”.

Chedar attiverà un corso master in Unifi

Per quanto riguarda l’alta formazione, Chedar attiverà un corso master, inserito nell’offerta formativa di Unifi e caratterizzato da lezioni online, esercitazioni e attività pratiche su casi di studio individuati in Medio Oriente. Saranno programmati, inoltre, laboratori brevi in Italia e all’estero.

Il corso è patrocinato da due importanti organizzazioni: Icosmos Italia (Consiglio Internazionale dei Monumenti e dei Siti) e CIPA Heritage documentation (Comité International de la Photogrammétrie Architecturale).  

Chedar si inserisce nell’esperienza offerta dal progetto, sempre coordinato da Grazia Tucci, di digitalizzazione e riproduzione del David di Michelangelo – esposto nel Teatro della Memoria e fulcro del Padiglione Italia durante Expo Dubai 2020 – ed è basato sulle attività di digitalizzazione, divulgazione, formazione e trasferimento tecnologico intraprese dal Laboratorio di Geomatica (GeCO lab). (redgs)

Potrebbe interessarti anche

Articoli Correlati


Scuola

29 maggio 2024

Edilizia, una scuola di Montevarchi vince il 2° posto del concorso Giovani Ance

Leggi tutto
Scuola

27 maggio 2024

Giovani talenti della maglieria, scelti i 10 finalisti di Feel the Yarn

Leggi tutto
Scuola

24 maggio 2024

Findomestic Camp 2024, sfida su educazione finanziaria e sostenibilità ambientale

Leggi tutto

Hai qualche consiglio?

Scrivi alla nostra redazione

Contattaci