8 dicembre 2022

Logo t24
Il quotidiano Economico Toscano
menu
cerca
Cerca
Impresa

15 novembre 2022

Aeroporto di Firenze, via al primo confronto sulla pista

Al via gli incontri del dibattito pubblico sul Masterplan. Nella trimestrale Toscana Aeroporti insegue il pre-Covid.

Leonardo Testai

Roberto Naldi, ad di Toscana Aeroporti

E’ iniziato oggi, con il primo incontro dedicato alle ragioni dell’intervento e alle alternative studiate, il dibattito pubblico sul Masterplan di potenziamento dell’aeroporto di Firenze, con nuovo terminal e nuova pista da 2200 metri. Ossia, quella che per l’amministratore delegato di Toscana Aeroporti Roberto Naldi “è una delle partite centrali della mobilità della città metropolitana e della Toscana, ed è uno dei motivi in prospettiva di successo dell’economia e dello sviluppo sociale di questa regione”.

Per tutti i quattro incontri pubblici del dibattito, coordinato dalla società Avventura Urbana, è prevista una fase iniziale plenaria, in cui enti ed esperti del proponente illustrano i temi del giorno, con a disposizione lo stesso tempo dato a rappresentanti degli stakeholder per portare anche visioni alternative. I partecipanti all’incontro vengono quindi divisi in tavoli di discussione dove con il supporto di facilitatori professionisti possono esprimersi su quanto sentito. Alla fine della discussione il coordinatore illustra tutte le domande e osservazioni raccolte e modera un confronto tra i relatori della prima parte dell’incontro, sulla base delle preferenze dei temi da trattare in via prioritaria votate in tempo reale dai partecipanti.

Nella trimestrale di settembre prosegue il recupero

Toscana Aeroporti prosegue nel suo graduale recupero dei numeri di traffico passeggeri pre-Covid: i tre trimestri del 2022 hanno visto fin qui un -43% nel primo, un -15% nel secondo e un -11% nel terzo rispetto agli stessi periodi del 2019. La somma dei passeggeri nei nove mesi – 5,2 milioni – rappresenta un aumento del 196,5% rispetto all’analogo periodo del 2021, e rimane inferiore del 19,8% rispetto ai volumi pre-Covid del 2019. Anche a ottobre il traffico passeggeri per gli scali di Firenze e Pisa risulta in evidente crescita (+48,2%) rispetto al 2021.

“Credo che abbiamo una prospettiva di chiudere sull’85-86% del traffico 2019”, ha commentato Naldi, secondo cui “bisogna considerare che nei primi due mesi dell’anno non c’è stato traffico, quindi i dati sono ancora più incoraggianti”. Sostanzialmente stabile (+1%) rispetto ai primi nove mesi del 2021 è il traffico cargo del Sistema aeroportuale toscano, con 11.086 tonnellate di merce e posta trasportate, in aumento del +16% sul periodo pre-Covid del 2019.

Migliora il bilancio, si riduce anche l’indebitamento

In virtù dei nuovi volumi di traffico, migliorano i dati economici del bilancio: i ricavi operativi in un anno salgono da 29,4 a 73,5 milioni di euro, l’Ebitda è positivo per 13,9 milioni (era negativo per 6,3 milioni), e l’utile netto è di 323mila euro, contro i 15,7 milioni di perdita dei primi nove mesi del 2021. L’indebitamento finanziario netto si riduce dai 98,7 milioni del 31 dicembre 2021 agli attuali 95,6 milioni.

“Continuiamo a guardare il futuro con ottimismo – ha commentato Marco Carrai, presidente di Toscana Aeroporti – monitorando tuttavia i fattori d’incertezza quali soprattutto il conflitto tra Russia e Ucraina e l’aumento dei prezzi delle materie energetiche. La visione strategica e il progetto industriale della società trovano conferma nel recente avvio del dibattito pubblico in merito al Masterplan dell’aeroporto di Firenze. A tale processo informativo e partecipativo, previsto dalla legge, il primo per un aeroporto nazionale, seguiranno gli altri step per arrivare al termine del percorso autorizzativo”.

Autore:

Leonardo Testai

Potrebbe interessarti anche

Articoli Correlati


Territorio

08 dicembre 2022

Terme di Montecatini, la Regione compra tre stabilimenti (16,4 milioni) per salvarle

Leggi tutto
Territorio

07 dicembre 2022

“I pannelli solari a Firenze? Meglio sui tetti dei capannoni”

Leggi tutto
Territorio

06 dicembre 2022

Rigassificatore di Piombino, udienza al Tar del Lazio il 21 dicembre

Leggi tutto

Hai qualche consiglio?

Scrivi alla nostra redazione

Contattaci