14 aprile 2024

Logo t24Il quotidiano Economico Toscano
menu
cerca
Cerca
Top Aziende

01 marzo 2024

Nuova cantina per il Brunello di Poggio Antico, la belga Atlas investe 25 milioni

L’impianto, progettato dall’architetto fiorentino Marco Casamonti, va ad allungare la lista di investimenti esteri in Toscana.

Silvia Pieraccini

Il rendering della nuova cantina dell'azienda vinicola Poggio Antico firmata da Marco Casamonti

Nel 2017 l’imprenditore belga Marcel Van Poecke, titolare della società di investimenti AtlasInvest, acquistò l’azienda vinicola Poggio Antico di Montalcino (Siena), 37 ettari di vigne in gran parte coltivati a Sangiovese e 3,8 milioni di fatturato 2022 (secondo l’ultimo bilancio depositato). Ora il finanziere ha deciso di costruire una nuova cantina, affidando il progetto all’architetto fiorentino Marco Casamonti, già autore della pluripremiata cantina di Antinori nel Chianti Classico (oltre che, sempre in Toscana, del centro sportivo Viola Park e del futuro hotel cinque stelle ex-Cirio all’Argentario).

Si allunga la lista di investimenti esteri realizzati in Toscana

La cantina – presentata oggi, 1 marzo, nella sede della Regione Toscana a Firenze, dal presidente regionale Eugenio Giani, dalla vicepresidente e assessora all’Agricoltura Stefania Saccardi, dall’architetto Casamonti e dai rappresentanti dell’azienda – richiederà un investimento che, secondo quanto risulta a T24, supera i 25 milioni di euro, e che va così ad allungare la lunga lista di investimenti esteri realizzati in Toscana.

La necessità di gestire volumi di vinificazione più piccoli

Due sono i motivi che hanno portato alla decisione di costruire una nuova cantina, secondo quanto spiegato dal direttore generale di Poggio Antico, Pier Giuseppe D’Alessandro: la necessità di gestire volumi di vinificazione più piccoli, per poter “identificare” i singoli vigneti; e quella di rendere più razionali i passaggi dall’uva alla bottiglia, adottando un sistema di gravità totale nel processo produttivo.

I primi risultati di questa nuova visione produttiva stanno per sbarcare sul mercato: tra poche settimane uscità in commercio la nuova etichetta ‘Vigna i Poggi’ 2019, primo vino da singola vigna di Poggio Antico, che vuole rappresentare il nuovo volto del territorio.

Un progetto di contemplazione del paesaggio

Un territorio che – secondo quanto spiegato – sarà salvaguardato dalla nuova cantina in parte interrata, che prevede il recupero di strutture esistenti e l’installazione di energie rinnovabili. “E’ un progetto di contemplazione del paesaggio, di grandissima semplicità – ha spiegato Casamonti – una terrazza per guardare il Monte Amiata, un podio con un pergolato di viti, da cui osservare un paesaggio meraviglioso”.

Autore:

Silvia Pieraccini

Potrebbe interessarti anche

Articoli Correlati


Impresa

12 aprile 2024

Iren investe 150 milioni a Scarlino per creare un polo dell’economia circolare (al posto dell’inceneritore)

Leggi tutto
Impresa

12 aprile 2024

Intesa Sanpaolo-Sace, 3 milioni per Yachtline Arredomare 1618

Leggi tutto
Impresa

12 aprile 2024

Col mondo in guerra l’impresa cerca forniture più vicine

Leggi tutto

Hai qualche consiglio?

Scrivi alla nostra redazione

Contattaci