28 settembre 2022

Logo t24
Il quotidiano Economico Toscano
menu
cerca
Cerca
Impresa

08 marzo 2022

Restyling dello stadio Artemio Franchi, ecco il vincitore

Scelto il progetto dello Studio Arup Italia: i cantieri dovranno partire nel 2023 e concludersi entro il 2026.

Il progetto dello Studio Arup Italia è il vincitore del concorso internazionale per il restyling dello stadio Artemio Franchi di Firenze, e la riqualificazione dell’area di Campo di Marte. Questo è stato il verdetto della giuria internazionale, che ha scelto il progetto in una rosa di otto finalisti, a fronte di un totale di 31 progetti presentati. L’investimento per la realizzazione delle opere comprenderà i 95 milioni di euro del Pnrr già annunciato, e il Comune di Firenze ne ha chiesti altri 50: il tutto, nell’ambito di un più ampio disegno che per il Comune vede anche la futura realizzazione della tramvia Libertà-Stadio-Rovezzano, operazione da 190 milioni.

Secondo il programma definito da Palazzo Vecchio, i cantieri dovranno partire nel 2023, verosimilmente in autunno, e concludersi entro il 2026 in ossequio alle prescrizioni del Pnrr. Insieme al restyling dello stadio nasceranno due nuovi poli: il polo ricettivo e direzionale contiene 5000 mq di superfici per ognuna destinazione, mentre il polo commerciale, anch’esso di 5000 mq, dialoga ad ovest con lo stadio e il mercato rionale, e a nord con le aree residenziali.

Una copertura per lo stadio

Per quanto riguarda lo stadio, una sottile lama metallica rettangolare leviterà sopra le tribune storiche, per ridurre al minimo l’impatto visivo sullo skyline, coprendo al contempo tutto il perimetro della vecchia struttura, e proteggendo dalle intemperie anche le vecchie gradinate. “La sfida era quella di riuscire a trasformare questo stadio – ha detto il sindaco Dario Nardella – in una struttura moderna, sostenibile e funzionale. Sogno un luogo dove ci si può sentire a proprio agio”. La maggiore vicinanza tra gli spalti e il campo lascerà spazio tra le due curve (quella originale e quella nuova): si prevede dunque di realizzare un museo per spazi espositivi (lato curva Ferrovia) e un auditorium (lato curva Fiesole).

Il disvelamento del progetto vincitore è avvenuto con un grande evento a Palazzo Vecchio, che si è concentrato molto più sull’aspetto sportivo rispetto agli altri: fra i presenti, infatti, si potevano contare il presidente del Coni Giovanni Malagò, il presidente della Figc Gabriele Gravina, il commissario tecnico della Nazionale di calcio Roberto Mancini, il direttore generale della Fiorentina Joe Barone, e campioni del passato come Gabriel Batistuta, Giancarlo Antognoni, e i viola dello scudetto 1968/69, ultimo campionato vinto fin qui dal club gigliato.

Potrebbe interessarti anche

Articoli Correlati


Territorio

27 settembre 2022

Fotovoltaico, impianti aziendali fermi per i mancati allacci

Leggi tutto
Territorio

26 settembre 2022

La carica del proporzionale: ecco gli eletti in Toscana

Leggi tutto
Territorio

26 settembre 2022

Rigassificatore di Piombino appeso al nuovo Governo

Leggi tutto

Hai qualche consiglio?

Scrivi alla nostra redazione

Contattaci