28 settembre 2022

Logo t24
Il quotidiano Economico Toscano
menu
cerca
Cerca
Impresa

01 giugno 2022

Porto di Livorno, crollano i traffici per crisi Eni e guerra in Ucraina

Nel primo trimestre dell’anno le tonnellate di merce movimentata sono scese del 17,2%. Bene i container.

Arriva un segnale negativo dal porto di Livorno nel primo trimestre dell’anno, anche se il -17,2% di tonnellate di merce movimentata (scesa a 8,6 milioni di tonnellate) è in gran parte da attribuire, secondo l’Authority portuale, al “collasso registrato dalle rinfuse liquide”, cioè alla riduzione dello sbarco di petrolio greggio e dell’imbarco di prodotti raffinati “da imputare in parte alla crisi aziendale della raffineria Eni, in parte agli effetti della guerra in Ucraina”. La battuta d’arresto interessa infatti anche le rinfuse solide (-24,5% a 156mila tonnellate), per effetto dei minori traffici di cereali (96%) e, in misura minore, di minerali (-14%).

Le merci trasportate nei container del porto di Livorno hanno invece messo a segno un aumento del 5,2% rispetto al primo trimestre 2021. In calo i rotabili (-5,6%) e le auto nuove (-18,2%), che risentono della difficoltà del settore automotive.

Questi risultati incideranno sui dati toscani dell’export del primo trimestre, attesi nei prossimi giorni.

Potrebbe interessarti anche

Articoli Correlati


Territorio

27 settembre 2022

Fotovoltaico, impianti aziendali fermi per i mancati allacci

Leggi tutto
Territorio

26 settembre 2022

La carica del proporzionale: ecco gli eletti in Toscana

Leggi tutto
Territorio

26 settembre 2022

Rigassificatore di Piombino appeso al nuovo Governo

Leggi tutto

Hai qualche consiglio?

Scrivi alla nostra redazione

Contattaci