19 aprile 2024

Logo t24Il quotidiano Economico Toscano
menu
cerca
Cerca
Top Aziende

04 settembre 2023

Ponte Signa-Lastra, via nel 2024 ai lavori per l’opera da 72 milioni

La Regione dispone l’aggiudicazione provvisoria a un raggruppamento di imprese: l’obiettivo è concludere nel 2028.

Obiettivo 2028 per il nuovo ponte fra Signa e Lastra, nella Piana Fiorentina: la Regione Toscana ha disposto l’aggiudicazione provvisoria dei lavori dell’opera, già finanziata per un importo complessivo di quasi 72 milioni di euro, al raggruppamento di imprese costituito da Consorzio stabile On site, Giugliano costruzioni metalliche e Ausilio Spa. Il progetto definitivo presentato sarà esaminato dalla Conferenza dei servizi; il raggruppamento di imprese aggiudicatario avrà 120 giorni di tempo per presentare il progetto esecutivo. La consegna dei lavori è prevista nel 2024.

Un ponte di quasi tre chilometri

Il ponte fra Signa e Lastra è finanziato per un importo complessivo di 71,5 milioni di euro: 65,5 milioni provengono da Fondi di Sviluppo e Coesione, e 6 milioni da fondi regionali. La nuova opera sarà lunga 2.750 metri di cui 900 in viadotto con nuovo ponte sull’Arno in acciaio, con campata principale di oltre 140 metri di luce. Annesso all’opera, anche un percorso ciclopedonale di collegamento tra il Parco Fluviale di Lastra a Signa sulla riva sinistra dell’Arno e il Parco dei Renai.

L’intervento complessivo prevede anche la realizzazione di una cassa di espansione, che consentirà una sensibile riduzione del rischio idraulico per la zona sia per quanto riguarda le piene dell’Arno che per gli allagamenti derivanti dalle acque basse. La cassa è prevista dal Piano di riduzione del rischio idraulico, confermata e recepita in modo vincolante dal Piano di Assetto Idrogeologico e dal Piano Gestione Rischio Alluvioni dell’Autorità di bacino. Infine saranno create aree di compensazione ambientale, attraverso l’acquisizione da parte della Regione del Lago di Borgioli, situato in posizione baricentrica fra Arno e Bisenzio, e realizzati specifici interventi di rinaturalizzazione e potenziamento ecologico.

“Un’opera strategica per la viabilità”

“Si tratta di un’infrastruttura importantissima per tutta la Piana fiorentina – ha affermato il presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani, parlando del ponte – fortemente legata alla Fi-Pi-Li e all’uscita di Lastra a Signa, che cambierà in positivo il volto di questo territorio, collegando le zone di Scandicci-Lastra con quelle di Signa, Campi e Prato. Un’opera dunque strategica dal punto di vista viario, ma anche sotto il profilo della sicurezza perché insieme al ponte realizzeremo una nuova cassa di espansione, una nuova pista ciclopedonale e ulteriori opere di compensazione ambientale”.

Giani ha presentato il progetto in una conferenza stampa insieme all’assessore regionale alle infrastrutture, Stefano Baccelli, il responsabile della direzione infrastrutture Enrico Becattini e il Rup Antonio De Crescenzo, e ai sindaci dei Comuni interessati dall’opera: la sindaca di Lastra a Signa Angela Bagni, il sindaco di Signa Giampiero Fossi, e il sindaco di Scandicci Sandro Fallani. (lt)

Potrebbe interessarti anche

Articoli Correlati


Territorio

18 aprile 2024

Elezioni fiorentine, Del Re corre da sola, Funaro rivela le sue cinque priorità

Leggi tutto
Territorio

18 aprile 2024

Lucia Aleotti (Menarini) diventa vicepresidente di Confindustria

Leggi tutto
Territorio

17 aprile 2024

Firenze, elezioni al calor bianco: divisi su tutto ma nessuno parla di economia

Leggi tutto

Hai qualche consiglio?

Scrivi alla nostra redazione

Contattaci