20 aprile 2024

Logo t24Il quotidiano Economico Toscano
menu
cerca
Cerca
Top Aziende

15 marzo 2024

Ora anche Firenze ha una vigna in città

L’imprenditrice Maria Fittipaldi Menarini pianta 700 viti nella sua villa al piazzale Michelangelo per creare un vigneto-giardino.

Silvia Pieraccini

La vigna Michelangelo appena impiantata

Dopo Torino, Venezia, Siena, Milano e Palermo, anche Firenze “conquista” la sua prima vigna urbana. Sta sorgendo a due passi dal piazzale Michelangelo, con vista mozzafiato sui monumenti della città, nei terreni che circondano la villa di Maria Fittipaldi Menarini, proprietaria con le figlie Carlotta, Giulia, Serena e Valentina della tenuta vinicola ‘Donne Fittipaldi’ a Bolgheri. Saranno gli stessi consulenti di Bolgheri – l’agronomo Stefano Bartolomei e l’enologo Emiliano Falsini – che si occuperanno della vigna fiorentina, battezzata Michelangelo e formata da 700 piante – appena messe a dimora – delle varietà Sangiovese, Canaiolo, Foglia tonda, Pugnitello e Colorino del Val d’Arno, scelte tra quelle toscane più tradizionali. La prima vendemmia è prevista nel 2027 e le bottiglie saranno vendute all’asta con finalità benefiche.

Impianto ad alberello per dar vita a un vigneto-giardino

Per l’impianto delle viti è stata scelta la coltivazione ad alberello, compatibile con la pendenza del terreno, che prevede l’appoggio di ogni singola pianta su un paletto in legno, e che richiederà una lavorazione solo manuale. “Si tratta di un vigneto-giardino – spiegano Bartolomei e Falsini – che sarà integrato con l’ambiente circostante per mantenere inalterate le caratteristiche del paesaggio”. Il primo vigneto urbano di Firenze, in uno dei punti più suggestivi della città, andrà a “recuperare” la viticoltura da sempre presente nella zona, dove il vino ha rappresentato, e rappresenta, un importante fattore economico.

La vigna Michelangelo come sarà nel 2027, quante le piante messe a dimora saranno cresciute

Progetto ambientale e benefico

“In realtà una vigna qui c’è sempre stata – spiega Maria Fittipaldi Menarini – tanto che da piccola io in settembre, al ritorno dal mare, coglievo i grappoli. Farla rivivere è dare un segno di continuità a questa casa, tanto amata da mio padre”. Essere diventata imprenditrice del vino a Bolgheri è stato fondamentale per ridare vita alla vigna di Firenze con una accezione nuova. “Il progetto non è solo viticolo – spiegano i protagonisti – ma anche ambientale: creare un’isola verde in città, esaltando la biodiversità e contribuendo alla sostenibilità”. La finalità benefica farà il resto.

Maria Fittipaldi Menarini (la seconda da sinistra) con le quattro figlie e le barbatelle appena impiantate
Autore:

Silvia Pieraccini

Potrebbe interessarti anche

Articoli Correlati


Territorio

19 aprile 2024

Le Università americane creano 700 milioni di ricchezza in Italia (253 milioni in Toscana)

Leggi tutto
Territorio

19 aprile 2024

Valle dell’Elsa, 10 milioni per la messa in sicurezza

Leggi tutto
Territorio

19 aprile 2024

Per il Terzo settore in Toscana 60mila volontari (organizzati) in meno dal 2014

Leggi tutto

Hai qualche consiglio?

Scrivi alla nostra redazione

Contattaci