26 giugno 2022

Logo t24
Il quotidiano Economico Toscano
menu
cerca
Cerca
Impresa

09 giugno 2022

Lucca, l’innovazione spinge le macchine per la carta

Nel primo trimestre 2022 la produzione industriale ha segnato +6,3%, dopo la crescita a doppia cifra del 2021. Ma non mancano le nubi.

Silvia Pieraccini

una macchina continua per la produzione di carta tissue dell'azienda A.Celli

Nel 2021 i produttori di macchine e impianti per carta igienica, fazzoletti e tovaglioli (il cosiddetto tissue), riuniti nella rete d’imprese Tissue Italy, decisero di rinviare la rassegna che ogni tre anni apre le porte delle loro fabbriche ai clienti internazionali, invitati a Lucca per toccare con mano le innovazioni tecnologiche considerate all’avanguardia nel mondo.

Quest’anno la rassegna, battezzata ‘It’s Tissue’, si è tenuta (è in corso fino al 10 giugno) nonostante la consapevolezza che i compratori cinesi e russi non sarebbero arrivati, per evidenti motivi legati alla chiusura del Paese asiatico per Covid, da una parte, e alla guerra dall’altra. Al netto di queste assenze previste, le aziende delle rete – A.Celli, E80, Futura, Gambini, Koerber, Ima-Tmc, Omet, Pcmc, Pulsar, Recard e Toscotec – si dicono soddisfatte: “Abbiamo visto clienti dall’Europa, dagli Stati Uniti, dal Medio Oriente, dall’Africa e qualcuno anche dal Sudest asiatico”, dicono in coro, anche se i numeri sono inferiori rispetto al passato (soprattutto per l’assenza di cinesi e russi). I Paesi di provenienza sono una settantina.

Nel 2021 le macchine per l’industria cartaria hanno ripreso a marciare

Ora la speranza è che le innovazioni tecnologiche presentate – che guardano soprattutto all’efficienza produttiva, al risparmio energetico e in generale alla sostenibilità ambientale – spingano gli investimenti dei produttori di tissue, “congelati” in questa fase dall’impennata dei costi energetici, dall’aumento del prezzo della cellulosa e dalle incertezze che semina la guerra in Ucraina.

Nel 2021 la produzione di macchine per l’industria cartaria del distretto lucchese (88 aziende e più di 2.600 addetti), capitale italiana del settore e leader a livello internazionale, ha ripreso a marciare dopo due anni di rallentamento aggravato dalla pandemia. La crescita produttiva stimata da Confindustria Toscana nord è del 12%, mentre il fatturato ha raggiunto i 933 milioni di euro per oltre il 65% all’export (pari a 625 milioni, +15%). I principali mercati sono stati l’Europa (52%), l’America (27%) e l’Asia (13%), ma la chiusura dei confini cinesi ha creato – e sta continuando a creare – non pochi problemi al settore, imponendo nuove modalità di vendita e stimolando soluzioni tecnologiche da remoto per far fronte all’impossibilità di spostamenti per montaggi e manutenzioni. Anche la guerra in Ucraina e le sanzioni russe hanno complicato lo scenario (la Russia vale il 3% dell’export), ridimensionando le prospettive di crescita che restano comunque positive: +6,3% la produzione stimata nel primo trimestre 2022.

“Gli investimenti dei produttori di tissue in questo momento sono in standby – spiega Mauro Celli patron della A.Celli, 70 milioni di valore della produzione 2022 – a causa dell’impennata dei costi energetici, dell’incremento del prezzo della cellulosa e dello scenario di guerra che semina incertezza Ma il settore ha le carte per continuare ad avere la leadership”. A proposito di guerra, Celli due giorni fa ha ospitato nello stabilimento lucchese l’ambasciatore ucraino in Italia, Yaroslav Melnyk, a seguito della vendita di una macchina per tissue a un’azienda ucraina che presto comincerà le operazioni di trasporto in una città non interessata dai bombardamenti.

Guerra e aumento dei costi energetici frenano gli investimenti

Accanto alla guerra, le preoccupazioni arrivano dalle filiera dei piccoli fornitori. “Le criticità sulla componentistica, soprattutto elettronica, sono senza precedenti – spiega Fabio Boschi, amministratore delegato di Faper Group che controlla l’azienda meccanica Futura – e obbligano a riprogrammare i cicli produttivi e a lavorare sugli approvvigionamenti. Ma le piccole aziende non hanno la liquidità per investire sul magazzino: servirebbe un supporto finanziario, altrimenti il rischio è di vedere presto realtà in sofferenza”.

Futura, che fa capo all’imprenditore Fabio Perini, sta investendo sull’integrazione tra converting e packaging e quest’anno realizzerà un valore della produzione di circa 60 milioni, in flessione di circa il 10% sul 2021: “Ma le prospettive del settore restano positive – conclude Boschi – soprattutto se continueremo ad anticipare i cambiamenti, adeguandoci a una realtà del lavoro che è in evoluzione: serve maggior sicurezza, più digitalizzazione e meno meccanica”.

Autore:

Silvia Pieraccini

Potrebbe interessarti anche

Articoli Correlati


Industria

15 giugno 2022

L’Accademia dei Georgofili in aiuto delle imprese alimentari toscane

Leggi tutto
Industria

14 giugno 2022

Accordo Liberty Steel-Greensill, buone notizie per la Magona

Leggi tutto
Industria

09 giugno 2022

Distretto tessile pratese, accordo per una filiera più “green”

Leggi tutto

Hai qualche consiglio?

Scrivi alla nostra redazione

Contattaci