23 giugno 2024

Logo t24Il quotidiano Economico Toscano
menu
cerca
Cerca
Impresa

15 marzo 2024

Italpreziosi (lingotti) diventa anche BCorp

L’azienda aretina di Ivana Ciabatti, che è una società Benefit, festeggia 40 anni di attività e prosegue sulla strada della sostenibilità.

Silvia Pieraccini

Tags

Prima è diventata società Benefit, inserendo nello statuto aziendale, accanto agli obiettivi di redditività, quelli di beneficio per la comunità, l’ambiente, i lavoratori; adesso la Italpreziosi di Arezzo, colosso leader nella produzione di lingotti d’oro da investimento, fa un passo ulteriore e ottiene la certificazione di sostenibilità BCorp, uno degli standard più elevati a livello mondiale di misurazione delle performance Esg (environmental, social, governance). Tutto questo nell’anno in cui la società fondata e guidata dalla ceo Ivana Ciabatti festeggia il quarantennale.

Tracciabilità della filiera e rispetto degli standard internazionali su purezza e provenienza etica

Con la certificazione BCorp Italpreziosi entra a far parte – spiega un comunicato – di “un movimento globale di aziende che guidano il cambiamento impegnandosi in favore di un paradigma economico inclusivo, equo e rigenerativo”. Il fiore all’occhiello dell’azienda è dato dalla tracciabilità della filiera e dal rispetto degli standard internazionali più rigorosi per purezza e provenienza etica, grazie alla certificazione Lbma Good Delivery dei lingotti in oro puro 999.9, alle partecipazioni possedute in alcune miniere di metalli preziosi e agli investimenti in tecnologia.

Creare valore per la filiera ma anche per la società

“Il nostro obiettivo è sempre stato quello di fondere la tradizione del territorio con l’innovazione, creando valore non solo per l’intera filiera ma anche per la società- afferma Ivana Ciabatti – l’anniversario dei 40 anni è solo una tappa del percorso intrapreso: altri obiettivi ambiziosi sono da raggiungere, investendo sempre su alta tecnologia tutta italiana, mirando a servizi e prodotti che rispettino elevati standard di qualità e di responsabilità etica e sociale”. Essere una società Benefit certificata BCorp nel settore dei metalli preziosi è “una responsabilità che ci spinge a continuare su questa strada – continua la fondatrice – con ancora più determinazione verso un miglioramento continuo”.

Nel 2022 fatturato a 3,5 miliardi di euro, utile netto di 2,3 milioni

Il valore della produzione 2022 di Italpreziosi è stato superiore a 3,5 miliardi di euro, dato sostanzialmente in linea con l’anno precedente (-0,25%) e come sempre spinto dalle quotazioni della materia prima, mentre l’ebitda (margine operativo lordo) è salito a 8,3 milioni (+51%) e l’utile netto a 2,3 milioni (+35%). Il 62% dei ricavi è realizzato all’estero. Il patrimonio netto complessivo è passato da 32 a 35 milioni. Il bilancio 2023 non è ancora stato approvato.

Autore:

Silvia Pieraccini

Articoli Correlati


Industria

20 giugno 2024

Sesa cresce (più del mercato) e nel 2024-25 rafforza il welfare aziendale

Leggi tutto
Industria

20 giugno 2024

Tregua su Amadori, un addio con garanzie (anche per gli avventizi)

Leggi tutto
Impresa

20 giugno 2024

Unicredit supporta lo sviluppo sostenibile di Next Yacht Group

Leggi tutto

Hai qualche consiglio?

Scrivi alla nostra redazione

Contattaci