21 giugno 2024

Logo t24Il quotidiano Economico Toscano
menu
cerca
Cerca
Finanza

30 maggio 2024

I confidi al bivio della riforma si riuniscono a Firenze per Confires 2024

Il 6 e 7 giugno si terrà la 18/a edizione del festival dei consorzi fidi italiani: atteso il sottosegretario al Mimit Bitonci.

Leonardo Testai

Tags

“Per i confidi è sempre il momento delle scelte, del rinnovamento, del cambiamento eccetera, ma quest’anno ci sono delle scelte precise, e il primo è la riforma che al momento è in discussione”. Gianluca Puccinelli, presidente di Res Consulting, presenta così la nuova edizione di Confires, il festival dei consorzi fidi italiani, giunto alla sua 18/a edizione che si svolgerà a Firenze il 6 e il 7 giugno. Con grande attesa per il sottosegretario alle Imprese e al Made in Italy, Massimo Bitonci, chiamato a illustrare la proposta di riforma delle garanzie mutualistiche e dunque dell’intero settore dei confidi, riforma volta ad ampliarne l’operatività.

Le autorità di vigilanza spingono le aggregazioni

“Sempre di più i consorzi fidi non saranno solo garanti, ma anche erogatori diretti”, osserva Lorenzo Gai, ordinario di Economia degli intermediari finanziari all’Università di Firenze. “Il ruolo del Fondo di Garanzia, arrivato a erogare 300 miliardi di euro di garanzie – sostiene – è destinato a ridimensionarsi nel post-pandemia, e per i confidi si sta studiando una riforma integrale”. L’orizzonte è quello di un’attività finanziaria extragaranzie non più confinata al 20% del totale dell’attivo, ma estendibile fin quasi alla metà, insieme alle attività di consulenza nei confronti delle imprese.

E’ una prospettiva che può preludere anche a una nuova stagione di fusioni fra singoli consorzi. La Toscana in questo è stata fra le regioni di punta, e i suoi confidi, a lungo agevolati dall’applicazione integrale della cosiddetta lettera “R” della legge Bassanini – che imponeva le controgaranzie dei confidi per l’accesso alle risorse del Fondo Centrale di Garanzia sul credito -, sono stati poli aggreganti nei confronti di altri consorzi italiani, com’è accaduto per Italia Comfidi, Artigiancredito, e Confidi Centro Nord. “Ci sono ancora aggregazioni in corso, e le autorità di vigilanza auspicano che si intensifichino”, ha sottolineato Gai.

D’altro canto, l’aspettativa è quella di un ruolo dei confidi che, anche a prescindere dalla riforma, potrebbe tornare a essere importantissimo per le Pmi. “Oggi il tasso default che esprime l’impresa italiana, le partite Iva, è al 3,2% – spiega Simone Capecchi di Crif, fra i top sponsor di Confires – quindi sotto la soglia del 4%, un indicatore macroeconomico che segnala possibili problemi. Da un anno e mezzo stiamo osservando una risalita del tasso di default, in particolare per le Pmi. Non è un dramma, siamo sotto la soglia d’attenzione del 4%, ma stimiamo che nel corso del 2025 si possa arrivare a toccare il 3,8%, il 3,9%. Le Pmi temono una contrazione della liquidità disponibile: la discesa dei tassi in previsione e un po’ di aumento del rischio atteso porterà le banche a essere più prudenti negli impieghi. Non è drammatico, ma è diverso rispetto a un anno e mezzo fa”.

Anche inclusione e parità di genere nel programma di Confires

Confires si approccia alla sua edizione numero 18 con una nuova location – la Camera di commercio di Firenze – un nuovo format, e un nuovo approccio anche sui temi trattati, con un totale previsto di 350 presenze al giorno: “Quest’anno ho voluto orientare la manifestazione verso la sostenibilità, l’inclusione e la parità di genere – dichiara l’amministratore delegato di Res, Federica Spinelli Bini -, per sottolineare il ruolo sociale che hanno i confidi e tutti gli intermediari finanziari nello sviluppo economico e culturale delle Pmi”.

Autore:

Leonardo Testai

Potrebbe interessarti anche

Articoli Correlati


Finanza

30 maggio 2024

Luca Gori eletto nuovo presidente della Fondazione Caript

Leggi tutto
Finanza

28 maggio 2024

Artigiancredito e Italia Comfidi, volume delle nuove garanzie in crescita

Leggi tutto
Finanza

21 maggio 2024

Confidi Centro Nord, il toscano Carboni eletto presidente

Leggi tutto

Hai qualche consiglio?

Scrivi alla nostra redazione

Contattaci