1 marzo 2024

Logo t24Il quotidiano Economico Toscano
menu
cerca
Cerca
Top Aziende

12 dicembre 2023

Firenze, a Santa Croce si “vede” Galileo grazie al 5G e alla realtà aumentata

Al via una innovazione tecnologica per avvicinare l’arte al pubblico e renderla più viva. Progetto di Tim con Opera di Santa Croce e Qualcomm.

Silvia Pieraccini

Debutta nel complesso monumentale di Santa Croce a Firenze una soluzione tecnologica innovativa, sviluppata da Tim Enterprise con l’Opera di Santa Croce e la società Qualcomm Technologies, che ha l’obiettivo di “amplificare” e arricchire l’esperienza di visita. Il progetto, chiamato extended reality, utilizza la tecnologia 5G a onde millimetriche (banda elevata) per alimentare una realtà aumentata e immersiva fatta di animazioni, video e immagini. Inquadrando con uno speciale smartphone (che sarà fornito dal museo ai visitatori) la figura della tomba di Galileo Galilei, per esempio, si vedrà lo scienziato che racconta, con accento toscano, la persecuzione per aver abbracciato la teoria copernicana dei pianeti che girano attorno al Sole. Oppure inquadrando il disegno della tomba monumentale di Niccolò Machiavelli si vedranno risaltare sullo schermo i particolari dell’opera indistinguabili a distanza.

Al via la fase sperimentale, poi la diffusione

Le nuove soluzioni sono state presentate il 12 dicembre nel complesso monumentale fiorentino. Il progetto, per adesso in fase sperimentale, in prospettiva potrà essere sviluppato anche da remoto, permettendo di godere della realtà aumentata stando a casa. E potrà essere integrato con visori di realtà virtuale, per capire come si viveva nel Medioevo nel complesso monumentale. Santa Croce è il primo passo per estendere la tecnologia ad altre realtà museali.

Le opere non più mute, ma parlanti

“I tesori di Santa Croce sono per definizione muti – ha detto la presidente dell’Opera, Cristina Acidini – e si percepiscono solo attraverso lo sguardo e l’intelletto. Questo dispositivo dà loro la voce, e narrando con la realtà aumentata fa sentire ancora più vicini partecipi e parlanti”. Si tratta di un progetto unico in Italia, ha spiegato Elio Schiavo, chief enterprise and innovative solutions officer di Tim: “Apriamo nuove opportunità per la fruizione del nostro immenso patrimonio artistico – ha aggiunto – con l’obiettivo di promuovere il territorio e la cultura del nostro Paese. E lo facciamo mettendo insieme la tecnologia con chi sa gestire il patrimonio artistico”. Una tecnologia che, come sottolineato dalla vicesindaca del Comune di Firenze, Alessia Bettini, unisce l’arte, la cultura e la scienza per migliorare l’esperienza turistica.

Autore:

Silvia Pieraccini

Potrebbe interessarti anche

Articoli Correlati


Territorio

01 marzo 2024

Tar Toscana, il 9 maggio si decide sugli affitti brevi a Firenze

Leggi tutto
Territorio

01 marzo 2024

Oltre 4 milioni e mezzo per le imprese della Toscana Sud

Leggi tutto
Territorio

01 marzo 2024

Ex Farmoplant di Massa, avvio al progetto pilota per l’attività di “Bio-remediation”

Leggi tutto

Hai qualche consiglio?

Scrivi alla nostra redazione

Contattaci