30 settembre 2022

Logo t24
Il quotidiano Economico Toscano
menu
cerca
Cerca
Impresa

04 aprile 2022

Export, la pelletteria di Firenze torna al pre-Covid

Su 47,7 miliardi di export toscano 2021, i distretti (secondo Intesa Sanpaolo) valgono 21,2 miliardi.

Presi tutti insieme, i distretti della Toscana nel 2021 hanno recuperato (e superato) i livelli di export del 2019, cioè prima dell’avvento della pandemia, toccando 21,2 miliardi di export (+29% sul 2020 e +3,8% sul 2019) secondo le elaborazioni del Monitor Distretti realizzato trimestralmente da Intesa Sanpaolo. Il dato si inserisce in un contesto di generale recupero, che a livello regionale ha fatto salire l’export alla cifra-record di 47,7 miliardi, +16,8% sul 2020 e addirittura +10,3% sul 2019.

Non tutti i distretti recuperano il terreno perduto

Andando a guardare nel dettaglio, però, il quadro non è ancora roseo. In particolare il settore moda – che dà oltre il 70% dell’export distrettuale – mostra affanno e segni “meno” rispetto al preCovid per il tessile-abbigliamento di Prato (-4,9% sul 2019 nonostante il recupero del 16,8% sul 2020); per la concia e calzature di Santa Croce sull’Arno (-14,9% sul preCovid e +23,9% sul 2020); per il tessile-abbigliamento di Arezzo (-19,2% sul 2019 e -29,2% anche sul 2020); per la pelletteria e calzature di Arezzo (-38,8% sul 2019 e -42% sul 2020); per le calzature di Lucca (-32,7% sul 2019 e +7% sul 2020) e per le calzature di Lamporecchio (-42,7% sul 2019 e +12,4% sul 2020). A “salvare” l’export del macro-gruppo Sistema moda è stata la gioielleria di Arezzo che, influenzata dal prezzo oscillante dell’oro, ha messo a segno una crescita del 23,5% sul 2019 (e del 73,5% sul 2020), superando 2,6 miliardi di export.

Torna ai livelli preCovid il distretto ‘pelletteria e calzature di Firenze’ (+0,8% sul 2019 grazie al balzo del 40,9% sul 2020), che tocca 6,285 miliardi di export. In linea col 2019 l’abbigliamento di Empoli che nel 2020 ha recuperato il 41,8% (vale 2,5 miliardi di export).

Ecco chi corre di più

I distretti che corrono, e che hanno fatto il salto maggiore dopo il Covid, sono il camper della Valdelsa (+40,5% l’export rispetto al 2019), che è cresciuto anche nel 2020 ma che ora è frenato dalla mancanza di chip e materie prime; la nautica di Viareggio (+29,1% sul 2019); e il vivaismo di Pistoia (+40,6% sul 2019). Bene anche il vino e l’olio esportati dalla Toscana, regge il cartario di Lucca (+0,9% sul 2019) mentre il marmo di Carrara (-4,2% sul 2019) e il mobile imbottito di Quarrata (-2,3% sul 2019) devono ancora recuperare i livelli di export precedenti alla pandemia.

Il futuro è nebuloso sia per la guerra in Ucraina (le esportazioni dirette dei distretti toscani verso Russia e Ucraina rappresentano l’1% ma gli effetti saranno a catena sul commercio mondiale), sia per gli incrementi nei prezzi delle materie prime.

Tito Nocentini, direttore regionale Toscana e Umbria di Intesa Sanpaolo
Tito Nocentini, direttore regionale Toscana e Umbria di Intesa Sanpaolo

“L’aumento dei costi di produzione legati all’approvvigionamento di energia e delle materie prime, insieme alle tensioni geopolitiche internazionali, modificano il contesto – afferma Tito Nocentini, da pochi giorni direttore regionale Toscana e Umbria di Intesa Sanpaolo – e spingono l’intero sistema ad adoperarsi per mantenere accesi i motori delle imprese”.

Potrebbe interessarti anche

Articoli Correlati


Industria

29 settembre 2022

Solvay guarda al territorio, intesa col Comune di Rosignano

Leggi tutto
Impresa

29 settembre 2022

BuyFood a Firenze, più di 70 aziende toscane in vetrina

Leggi tutto
Impresa

28 settembre 2022

Moda, l’empolese Officina Ciemmeci entra nel polo dei terzisti di lusso

Leggi tutto

Hai qualche consiglio?

Scrivi alla nostra redazione

Contattaci