31 gennaio 2023

Logo t24
Il quotidiano Economico Toscano
menu
cerca
Cerca
Impresa

06 dicembre 2022

Duomo di Firenze, American Express restaura (con 120mila euro) due affreschi

Dipinti nel ‘400, raffigurano i condottieri Giovanni Acuto e Niccolò da Tolentino e sono opera di Paolo Uccello e Andrea del Castagno.

Silvia Pieraccini

Particolare dell'affresco di Paolo Uccello dopo il restauro

É terminato dopo sei mesi di lavoro il restauro dei due affreschi di Paolo Uccello, dipinto nel 1436, e di Andrea del Castagno, completato nel 1456, nel Duomo di Firenze, che rappresentano i leggendari condottieri Giovanni Acuto e Niccolò da Tolentino (di dimensioni quasi uguali, misurano circa 850 cm per 500 e sono posizionati nella navata di sinistra).  Il restauro, finanziato da American Express con 120mila euro, è stato commissionato e diretto dall’Opera di Santa Maria del Fiore e affidato alla restauratrice Daniela Dini, che già nel 2000 si era occupata delle due opere.

A distanza di oltre vent’anni si è deciso di intervenire di nuovo perché la superficie pittorica appariva offuscata da una patina scura, causata dell’accumulo di particolato prodotto dall’inquinamento e da polvere. Da sabato 17 dicembre 2022 chi entrerà in Cattedrale potrà di nuovo vederli, liberati dai ponteggi del cantiere di restauro che li hanno coperti in questi mesi, o prendere parte alle visite guidate organizzate appositamente.

Chi sono i due condottieri

Giovanni Acuto (1323-1394), soprannome dell’inglese John Hawkwood, col suo esercito composto da duemila arcieri gallesi dotati di enormi archi è stato un leggendario condottiero e capitano di ventura a servizio di vari Stati e infine della Repubblica fiorentina.

Niccolò Da Tolentino (1350 circa-1435), dopo aver combattuto per i Malatesta e passato al servizio dei fiorentini, fu nominato per le sue gesta capitano generale di Firenze. Fu lui a guidare, riportando la vittoria, la terribile Battaglia di San Romano (1432), resa immortale da Paolo Uccello nel celebre trittico conservato agli Uffizi, al Museo del Louvre e alla National Gallery a Londra.

L’intermediazione della partnership tra l’Opera di Santa Maria del Fiore e American Express è stata curata da ArtFin Servizi e consulenza per l’arte.

Autore:

Silvia Pieraccini

Potrebbe interessarti anche

Articoli Correlati


Territorio

26 gennaio 2023

Dal salone Pitti Taste la spinta alle aziende agroalimentari di nicchia

Leggi tutto
Territorio

25 gennaio 2023

Lucca alza la tassa di soggiorno (e Firenze è ancora al tavolo)

Leggi tutto
Territorio

23 gennaio 2023

Unione Industriale Pisana, Andrea Madonna presidente sognando la ripresa

Leggi tutto

Hai qualche consiglio?

Scrivi alla nostra redazione

Contattaci