19 maggio 2024

Logo t24Il quotidiano Economico Toscano
menu
cerca
Cerca
Impresa

21 settembre 2023

Crollo dei lavoratori autonomi in Toscana: meno 15mila dal 2019

L’allarme di Confesercenti Toscana: “Segnale preoccupante”. Ditte in crisi fra pandemia e caro vita. Sofferenza diffusa.

Un vero e proprio crollo, che non può che preoccupare. Dal 2019 al 2022, segnala il Rapporto annuale Inps, i lavoratori indipendenti assicurati dall’Istituto passano dai 4,959 milioni del 2019 ai 4,825 milioni del 2022, con un calo netto di 134mila unità in quattro anni, di cui quasi 15mila in Toscana, dove c’è stato un calo di 6441 società e di 8478 ditte individuali.

Difficoltà a rimanere sul mercato per le micro e piccole imprese

Un dato che purtroppo conferma le difficoltà a rimanere sul mercato delle micro e piccole imprese a conduzione familiare, che hanno visto sfumare la ripresa post pandemica a causa del caro-vita e dell’incremento dei prezzi energetici. Tra tutti i settori, il calo più drastico ha interessato il commercio al dettaglio che ha perso il 9,4% delle imprese del settore e significativo è anche il calo meno marcato, intorno al 4%, del mondo della ristorazione. Lo rivela Confesercenti Toscana. “Dietro alla riduzione di indipendenti, oltre ai fenomeni di consolidamento segnalati dall’Inps, c’è certamente la difficoltà della Toscana di commercianti, artigiani e professionisti che hanno caratterizzato il nostro sistema economico” afferma Nico Gronchi, presidente di Confesercenti Toscana. Un calo che l’aumento di altre tipologie di lavoratori indipendenti non riesce a compensare.

Il settore più colpito è il commercio al dettaglio

Servono meno oneri burocratici e più sostegni per questa parte importante del nostro sistema economico, ed è necessario anche pensare a un alleggerimento degli oneri previdenziali e fiscali per le nuove attività imprenditoriali, per un periodo non inferiore a tre anni dall’avvio – aggiunge Gronchi -. Ma si deve introdurre anche una fiscalità di vantaggio per i negozi di vicinato con un fatturato inferiore ai 400mila euro l’anno: un provvedimento essenziale per contrastare il fenomeno della desertificazione commerciale che sta interessando sempre più grandi e piccoli centri urbani italiani, con un grave impatto non solo sul settore ma anche sull’offerta di servizi ai cittadini. Nella nostra regione, il combinato disposto delle risorse della programmazione europea e del Pnrr possono rappresentare un grande volano di sostegno alle imprese e ai territori, ma a condizione che gli interventi, i sostegni, i bandi siano ritagliati a misura di impresa”. (sg)

Potrebbe interessarti anche

Articoli Correlati


Impresa

18 maggio 2024

Nautica boom: Sanlorenzo investe quasi 30 milioni a Viareggio e Massa (e assume 42 persone)

Leggi tutto
Industria

17 maggio 2024

La Regione apre il Tavolo moda e scrive a Urso, le imprese aspettano misure

Leggi tutto
Impresa

17 maggio 2024

Nuovo bando Cciaa Firenze per la digitalizzazione delle imprese

Leggi tutto

Hai qualche consiglio?

Scrivi alla nostra redazione

Contattaci