23 febbraio 2024

Logo t24Il quotidiano Economico Toscano
menu
cerca
Cerca
Top Aziende

28 luglio 2023

Bauli investe 12 milioni in uno stabilimento gluten free ad Altopascio

Il gruppo dolciario veronese potenzia le produzioni senza glutine dell’azienda Alpipan, acquisita nel 2018. Assunzioni in vista.

Silvia Pieraccini

Il Gruppo Bauli apre un nuovo stabilimento per produrre pane, merendine, snack e biscotti senza glutine ad Altopascio (Lucca), dove dal 2018 possiede l’azienda Alpipan specializzata appunto negli alimenti gluten free, e spinge lo sviluppo di questo segmento di mercato che è in rapida espansione.

Diecimila metri quadrati di uffici, laboratori, fabbrica

L’inaugurazione del nuovo stabilimento Alpipan è avvenuta oggi, 28 luglio, dopo due anni di lavori, alla presenza dei vertici di Bauli e delle istituzioni locali. Lo stabilimento, risultato della ristrutturazione della vecchia sede di un panificio (l’ex Toscopan poi passata di mano e fallita), si estende su 10mila metri quadrati (uffici, laboratori, fabbrica) e ha richiesto un investimento di 12 milioni di euro. E’ dotato di pannelli solari, colonnine di ricarica per auto elettriche, linee produttive di ultima generazione che consentiranno di quintuplicare la capacità produttiva, passando da duemila a diecimila tonnellate all’anno.

Il nuovo stabilimento Alpipan appena inaugurato ad Altopascio

Lo slancio dalle produzioni a marchio proprio

“Dal 2018 siamo cresciuti in modo costante – spiega Pierluigi Rumbo, amministratore delegato di Alpipan e direttore della business unit Health & Wellbeing del Gruppo Bauli – ora vogliamo accelerare questo percorso grazie soprattutto ai prodotti senza glutine a marchio proprio, Bauli e Doria, lanciati nel 2021”.

Altri dieci assunti nei prossimi mesi

Alpipan ha chiuso il 2022 con un fatturato di 13 milioni di euro (+28% sul 2021), triplicato rispetto al 2020: “Nel giro di due anni l’azienda si è trasformata – aggiunge Rumbo – passando dalle produzioni solo per terzi, soprattutto clienti europei e americani, a quelle realizzate a marchio proprio, Bauli e Doria, che oggi assorbono il 50%”. La crescita del segmento senza glutine è uno dei pilastri su cui poggerà lo sviluppo internazionale dell’intera divisione salutistica e dietetica di Bauli. Già oggi il 30% dei prodotti fatti ad Altopascio viene esportato. La crescita andrà di pari passo con l’aumento degli occupati: dallo scorso anno gli addetti dello stabilimento toscano sono saliti fino a quota 75, e ora Rumbo prevede un’altra decina di assunzioni nei prossimi mesi.

Il segmento senza glutine cresce nel mondo

“Con l’inaugurazione della nuova sede di Alpipan acceleriamo il percorso di diversificazione delle linee di business – afferma l’amministratore delegato di Bauli, Fabio di Giammarco – rafforzando un segmento strategico con grandi potenzialità di crescita a livello globale. Attraverso lo sviluppo della business unit Health & Wellbeing puntiamo a rispondere alle necessità dei nostri consumatori e rispettare tutti i possibili stili alimentari”. Soddisfatta la sindaca di Altopascio, Sara D’Ambrosio: “E’ bello vedere come oggi questo stabilimento torni a vivere grazie all’eccellenza di Alpipan, valore aggiunto per l’occupazione, lo sviluppo economico e l’indotto che si porta dietro, ma anche per il recupero del patrimonio edilizio esistente”.

Autore:

Silvia Pieraccini

Potrebbe interessarti anche

Articoli Correlati


Impresa

22 febbraio 2024

Ds Smith posticipa il maxi-investimento nella cartiera di Porcari

Leggi tutto
Impresa

22 febbraio 2024

Turismo: Towns of Italy si espande al Sud e punta a 30 milioni di ricavi nel 2024

Leggi tutto
Impresa

21 febbraio 2024

Moda: Monnalisa conquista la licenza bimba di Philosophy

Leggi tutto

Hai qualche consiglio?

Scrivi alla nostra redazione

Contattaci