26 maggio 2024

Logo t24Il quotidiano Economico Toscano
menu
cerca
Cerca
Impresa

10 maggio 2023

Banca Intesa cede a Nwg Energia crediti fiscali per 33 milioni

L’azienda pratese potrà usare la somma per compensare debiti fiscali. La cessione-bis permette alla banca di acquistare altri crediti.

Silvia Pieraccini

Banca Intesa Sanpaolo cede all’azienda pratese Nwg Energia, trader di energia da fonte rinnovabile, crediti fiscali legati ai bonus edilizi per un valore fiscale superiore a 33 milioni di euro. Grazie a questo accordo di ri-cessione (strumento introdotto dal decreto legge Aiuti), la banca libera “capacità fiscale” in modo da poter acquistare altri crediti da privati e aziende, mentre Nwg Energia si assicura – a condizioni agevolate – un “tesoretto” di 33 milioni da poter utilizzare in compensazione dei propri debiti fiscali.

L’aumento dei prezzi energetici ha destabilizzato il mercato

Nwg Energia è una Società Benefit (ha inserito nel proprio statuto, accanto agli obiettivi di guadagno, quelli di impatto positivio sulla comunità e l’ambiente), guidata dal presidente e amministratore delegato Massimo Casullo, che acquista energia rinnovabile in Italia e all’estero e la vende a famiglie e microaziende italiane. Negli ultimi due anni il suo fatturato è esploso, soprattutto per effetto dell’aumento dei prezzi energetici, mentre la redditività è scesa. Nel 2021 i ricavi Nwg Energia hanno sfiorato i 125 milioni di euro con un margine operativo lordo di 1,6 milioni. Nel 2022 i ricavi sono arrivati vicino a 200 milioni ma i margini si sono ridotti ancora.

La collaborazione tra Banca Intesa e la rete di imprese Nwg-New world in green è cominciata nel 2020 quando fu firmato un accordo con Nwg Italia, azienda che vende impianti fotovoltaici, per aiutare i clienti di questa società nello smobilizzo di crediti fiscali derivanti dagli interventi effettuati.

Già firmati contratti di ri-cessione per 6,5 miliardi di euro

“Intesa Sanpaolo conferma l’impegno a supporto dell’economia del Paese nell’acquisto dei
crediti fiscali, sia da privati che da imprese e senza limiti di importo – afferma un comunicato -. Grazie al modello sviluppato con Deloitte, il Gruppo ha acquistato a oggi più di 16 miliardi di crediti fiscali,
coprendo quasi il 50% del mercato degli acquisti degli intermediari finanziari”. Intesa è la prima banca ad aver messo a punto il modello delle ri-cessioni, e in pochi mesi ha sottoscritto contratti di ri-cessione per un controvalore di 6,5 miliardi, liberando capacità fiscale immediatamente messa a disposizione.


Autore:

Silvia Pieraccini

Potrebbe interessarti anche

Articoli Correlati


Impresa

24 maggio 2024

Pelletteria: Sapaf compie 70 anni e cresce con i clienti di nicchia (e con l’AI)

Leggi tutto
Industria

24 maggio 2024

Baker Hughes, nuova commessa multimilionaria in Algeria con Maire Tecnimont

Leggi tutto
Impresa

23 maggio 2024

Orsini presidente di Confindustria, la Toscana applaude

Leggi tutto

Hai qualche consiglio?

Scrivi alla nostra redazione

Contattaci