20 giugno 2024

Logo t24Il quotidiano Economico Toscano
menu
cerca
Cerca
Impresa

10 marzo 2023

Augustus Hotel festeggia 70 anni col record di ricavi

Fatturato a 14,8 milioni per la società Sear srl della famiglia Maschietto che possiede anche l’hotel Hermitage, sempre a Forte dei Marmi.

Silvia Pieraccini

Era il 1953 quando Augusta Pesenti, allora proprietaria di Villa Pesenti a Forte dei Marmi (Lucca), decise di rialzare di un piano la propria residenza per farne un albergo, il primo hotel di lusso della Versilia e del Centro Italia. Da quel nucleo è nato l’Augustus Hotel&Resort, uno degli indirizzi storici dell’hotellerie italiana immerso nella pineta in riva al mare, dal 1969 di proprietà della famiglia fiorentina Maschietto che si appresta ad avviare la stagione turistica – riaprirà il 6 aprile, prima del solito – brindando ai 70 anni di vita e al fatturato record.

Il Covid ha spinto la diversificazione dei mercati

Il 2022 si è chiuso infatti con ricavi a 14,8 milioni di euro, superiori dell’11% al pre-Covid (nel 2019 il fatturato era stato di 13,3 milioni) e anche il 2023 s’annuncia positivo. “Abbiamo assorbito bene la flessione del mercato russo, che prima del Covid rappresentava fino al 35% – spiega Giacomo Maschietto, amministratore delegato della Sear srl che possiede anche l’hotel Hermitage situato a 800 metri dal mare, per un totale di 150 camere -. Durante la pandemia questa percentuale è scesa all’8% e abbiamo cominciato a lavorare con altri mercati, a partire da quello americano che l’anno scorso è cresciuto più di tutti, arrivando a pesare il 16%”.

Obiettivo: allungare la stagione turistica

Quest’anno sembra segnare il ritorno alla normalità anche sul fronte dei tempi di prenotazione: non più last minute, come negli anni della pandemia in cui era difficile capire se e come ci saremmo potuti spostare, ma con i tempi “classici” che cambiano da mercato a mercato. L’obiettivo dell’Augustus è allungare sempre più la stagione turistica (per adesso la chiusura del complesso è prevista l’8 ottobre): “Sarebbe molto positivo – conclude Maschietto – ma dovrebbe essere una scelta condivisa da tutti gli operatori del territorio, in modo che l’ospite possa sempre trovare una città aperta e dinamica”.

Il complesso dell’Augustus conta, oltre a Villa Pesenti, anche Villa Agnelli (attualmente in ristrutturazione, aprirà a fine maggio) – comprata da Edoardo, padre di Gianni, nel 1926 e dove per quasi 40 anni, fino alla fine degli anni Sessanta, ha fatto le vacanze la famiglia Agnelli proiettando la Versilia nel jet-set internazionale – oltre al complesso alberghiero della Nave, il beach club e il ristorante sulla spiaggia.

Autore:

Silvia Pieraccini

Potrebbe interessarti anche

Articoli Correlati


Industria

20 giugno 2024

Tregua su Amadori, un addio con garanzie (anche per gli avventizi)

Leggi tutto
Impresa

20 giugno 2024

Unicredit supporta lo sviluppo sostenibile di Next Yacht Group srl

Leggi tutto
Impresa

20 giugno 2024

Pitti Bimbo soffre il calo di negozi e prepara l’edizione 100 del rilancio

Leggi tutto

Hai qualche consiglio?

Scrivi alla nostra redazione

Contattaci