20 giugno 2024

Logo t24Il quotidiano Economico Toscano
menu
cerca
Cerca
Territorio

12 luglio 2023

Estate 2023 da pre-Covid per il turismo in Toscana, tornano gli stranieri

Le richieste di prenotazioni portano a prevedere un +4,7% di arrivi e un +4,3% di pernottamenti rispetto al 2022.

Estate 2023 col segno più per il turismo in Toscana. E’ questo il risultato dell’indagine commissionata da Toscana Promozione Turistica e condotta dal Centro Studi Turistici di Firenze, primo atto del nuovo Osservatorio turistico regionale presentato oggi a Firenze. Le richieste di prenotazioni fornite da un campione di 564 imprenditori della ricettività regionale portano a prevedere un +4,7% di arrivi e un +4,3% di pernottamenti rispetto all’estate 2022: in valori assoluti si potrebbe arrivare a oltre 5,9 milioni di arrivi e oltre 23,9 milioni di pernottamenti, secondo l’Osservatorio, superando i risultati del pre-Covid.

Tornano in forza i turisti stranieri

Se nel 2021 e 2022 era stato soprattutto il turismo nazionale a prevalere, registrando un incremento anche nel 2023 (+2,1% le presenze stimate in Toscana), nel 2023 è la domanda internazionale a trainare il movimento, tornando a superare il 50% del totale dei flussi (era il 37% un anno fa), con presenze numericamente superiori a quelle del 2019. La crescita degli stranieri è del 6,5% in termini di presenze, oltre 12 milioni in valore assoluto (+1,3% rispetto al 2019).

I vacanzieri d’oltreconfine saranno soprattutto turisti europei attratti da mare, città d’arte e borghi, ma segnali di crescita arrivano anche da alcuni mercati extraeuropei. Riguardo alla nazionalità, i maggiori aumenti sono per il mercato statunitense. Si confermano anche quelli tradizionali europei: francesi, olandesi, tedeschi, svizzeri, austriaci, britannici, belgi, polacchi, spagnoli e scandinavi. Tra quelli extraeuropei aumento previsto anche per Canada e Brasile e ripresa delle prenotazioni asiatiche (Cina, Giappone, India).

Un nuovo Osservatorio con tanti partner

L’Osservatorio Turistico Regionale, progetto gestito da Toscana Promozione Turistica, nasce da una sinergia con le direzioni regionali interessate, Fondazione Sistema Toscana, Irpet, Anci Toscana e altri enti e attori del territorio. Per la realizzazione delle attività l’Osservatorio si avvale della collaborazione di attori pubblici e privati tra cui il dipartimento di Economia dell’Università Cà Foscari di Venezia, con il quale Tpt ha siglato un accordo di collaborazione.

“Uno strumento dinamico – ha commentato Leonardo Marras, assessore all’economia e al turismo – che sarà utile a tutti gli attori del sistema turistico per monitorare e programmare: i diversi livelli di analisi dei dati, che in parte si trovano già sul sito ed in parte verranno implementati via via, serviranno per misurare in tempo reale o quasi i flussi che interessano le varie zone della Toscana e modulare l’offerta sempre di più sulle reali esigenze dei visitatori. Nelle prossime settimane incontreremo gli ambiti turistici e le associazioni di categoria per condividere i prossimi passaggi di sviluppo dell’Osservatorio”.

Potrebbe interessarti anche

Articoli Correlati


Territorio

20 giugno 2024

Pioggia di medaglie per il vino toscano

Leggi tutto
Territorio

19 giugno 2024

Alluvione in Toscana, dal 1 luglio i contributi per le imprese

Leggi tutto
Territorio

17 giugno 2024

Ballottaggio a Firenze, l’incognita del mare sul duello Funaro-Schmidt

Leggi tutto

Hai qualche consiglio?

Scrivi alla nostra redazione

Contattaci