26 febbraio 2024

Logo t24Il quotidiano Economico Toscano
menu
cerca
Cerca
Top Aziende

23 novembre 2023

Da Alia un cassonetto ‘intelligente’ per i rifiuti urbani

Sensoristica avanzata e intelligenza artificiale per misurare il volume dei conferimenti e modulare gli svuotamenti.

Leonardo Testai

Meno camion della spazzatura in strada, meno traffico, meno emissioni, meno costi per l’azienda e per i cittadini: è quanto promette ‘Genius il cassonetto 5.0’, il nuovo cassonetto intelligente presentato da Alia, e destinato a essere lo standard per il conferimento dei rifiuti urbani nella Toscana centrale. Genius, realizzato insieme alla società Nord Engineering di Cuneo con un investimento di due milioni di euro, è dotato di intelligenza artificiale e tecnologie cloud: grazie a un sensore volumetrico brevettato è in grado di rilevare il volume di ogni conferimento di rifiuti, e di segnalare all’azienda da remoto il riempimento del cassonetto stesso.

Dunque Genius “anzitutto può essere utilizzato – ha osservato il presidente di Alia Lorenzo Perra, alla presentazione – per misurare i conferimenti: questo consentirà progressivamente di passare da un sistema di pagamento che è patrimoniale, quindi non basato sul comportamento degli individui, a un sistema che misura quello che effettivamente conferiscono premiando chi fa raccolta differenziata. Lato azienda, invece, ci consente di poter organizzare il processo di raccolta in maniera adattiva rispetto ai comportamenti delle persone, riducendo la movimentazione dei mezzi, riducendo il traffico, riducendo le emissioni di CO2”.

Con Genius niente più raccolta porta a porta

La previsione di Alia è di una riduzione dei costi intorno al 30% grazie alla maggiore efficienza del sistema, ma anche per gli utenti il risparmio può arrivare al 30% circa della componente variabile della tariffa. Dopo i primi 120 cassonetti Genius già attivi a Lastra a Signa per la sperimentazione, è stato spiegato, si procederà alla sostituzione degli altri 12mila che già presentano un sistema di apertura tramite chiavetta o app. In questo caso, la nuova elettronica di Genius sarà installata sullo stesso chassis dei cassonetti esistenti.

“Anche nelle realtà in cui oggi c’è il porta a porta – ha detto Alberto Irace, amministratore delegato di Alia – la nostra strategia è di gestire progressivamente utilizzando anche soluzioni stradali a parità di qualità della raccolta differenziata. Oggi si differenzia il 75-80%, noi confidiamo di fare lo stesso anche con mezzi stradali. Questo vuol dire un risparmio potenziale, perché ovviamente fare la raccolta porta a porta costa molto di più rispetto ai sistemi meccanici”. La progressiva sostituzione del sistema di raccolta porta a porta con il sistema basato sui Genius, secondo Alia, porterà all’installazione di un numero di cassonetti intelligenti fino a 36mila nell’arco di sei anni.

Nardella esulta: “Investimenti così solo con la Multiutility”

“Il fatto che Firenze sia la prima città dove sperimentiamo questo cassonetto intelligente è per noi motivo di orgoglio, e siamo sicuri che verrà esportato in tutta Italia”, ha affermato il sindaco Dario Nardella, secondo cui col nuovo sistema sarà possibile “avere città più sostenibili, più pulite e più efficienti”. Tutto questo, ha evidenziato Nardella, “è possibile perché abbiamo la Multiutility, perché tecnologie del genere richiedono grossi investimenti”. Proprio a proposito del futuro assetto della Multiutility Toscana, Perra ha sottolineato che “ci sarà un progetto progressivo di superamento di quelle che sono le singole business unit”, rivelando che “la Multiutility non si chiamerà Alia, però ancora non è finito il processo di scelta interna del nome”.

Autore:

Leonardo Testai

Potrebbe interessarti anche

Articoli Correlati


Impresa

26 febbraio 2024

Altair Chemical, pannelli solari a Volterra al posto dell’amianto

Leggi tutto
Impresa

26 febbraio 2024

Pelletteria, patto a Firenze fra imprese e sindacati per salvaguardare l’eccellenza

Leggi tutto
Impresa

24 febbraio 2024

A Pitti-Testo in vetrina le case editrici della Toscana

Leggi tutto

Hai qualche consiglio?

Scrivi alla nostra redazione

Contattaci