30 gennaio 2023

Logo t24
Il quotidiano Economico Toscano
menu
cerca
Cerca
Impresa

15 settembre 2022

Badiani porta il gelato (sempre più) all’estero

Il marchio fiorentino punta a diventare la più importante catena nel Regno Unito e in Spagna. Fatturato a 6 milioni di euro.

Silvia Pieraccini

Il nuovo negozio Pineider sul lungarno degli Acciaiuoli a Firenze

La storica gelateria fiorentina Badiani, nata nel 1932 e oggi di proprietà dei fratelli Patrizio e Paolo Pomposi, compie 90 anni e spinge sullo sviluppo estero, che negli ultimi cinque anni l’ha vista aprire nove gelaterie a Londra e due in Spagna. Nel 2021 il fatturato è stato di quasi 6 milioni di euro, per il 75% all’estero, con 130 dipendenti. Il 25% dei ricavi arriva dall’ecommerce: Badiani è il primo brand di gelato artigianale che assicura consegne in 24 ore in tutto il Regno Unito (viene trasportato col ghiaccio secco).

Altri cinque-sei negozi nel Regno Unito nel 2023

Ora l’obiettivo è crescere nel retail: “Vogliamo consacrare il brand Badiani nel Regno Unito e in Spagna – spiegano i fratelli Badiani – per arrivare ad essere la più importante catena di gelato artigianale nei due Paesi”. La previsione è di aprire altri 5-6 negozi nel Regno Unito nel 2023, puntando a raggiungere un fatturato di gruppo di 11 milioni. Non sono esclusi né lo sbarco in altri Paesi, né il raddoppio a Firenze e l’espansione in Italia, ma per adesso i progetti restano indefiniti.

Produzione all’estero, qualità italiana

Il gelato prodotto da Badiani in Italia – tra cui il famoso gusto “Buontalenti” – viene replicato all’estero in laboratori specializzati che utilizzano ingredienti locali come panna, latte, zucchero e uova per limitare il trasporto di merci e valorizzare il territorio “sempre mantenendo la qualità del prodotto”, assicura Badiani. La società londinese, Badiani Ltd, vede a fianco dei fratelli Patrizio e Paolo, che mantengono il controllo, il socio Massimo Franchi e una serie di investitori familiari che fino a oggi hanno assicurato circa 7 milioni di euro.

Nel Regno Unito la bolletta energetica non è aumentata

Se in Italia il settore del gelato è messo in ginocchio dall’aumento dei costi dell’energia elettrica, nel Regno Unito “il problema praticamente non esiste”, spiega Patrizio Pomposi: “Non abbiamo visto aumenti delle bollette in Inghilterra – dice – mentre qui se il Governo non interverrà sarà difficile che il settore sopravviva: a gennaio saremo morti”.

Autore:

Silvia Pieraccini

Potrebbe interessarti anche

Articoli Correlati


Impresa

30 gennaio 2023

A Grosseto un parco fotovoltaico da 32 milioni che “insegue” il sole

Leggi tutto
Impresa

27 gennaio 2023

Chima Florence investe nel fotovoltaico con Gesco

Leggi tutto
Impresa

27 gennaio 2023

Ferragamo cresce, ma il Covid cinese pesa sui ricavi 2022

Leggi tutto

Hai qualche consiglio?

Scrivi alla nostra redazione

Contattaci