2 marzo 2024

Logo t24Il quotidiano Economico Toscano
menu
cerca
Cerca
Top Aziende

16 agosto 2023

Toscana, voucher per il reinserimento a lavoro

Si possono già presentare le domande per partecipare al bando della Regione per ottenere voucher che aiutino le famiglie in cerca di lavoro.

Già dal 10 agosto scorso è partito il percorso promosso dalla Regione Toscana per ottenere voucher di conciliazione e mobilità. Il bando, pubblicato sul Burt, è destinato a donne e uomini disoccupati inseriti nei percorsi di politica attiva del nuovo Patto per il Lavoro o del Programma Gol (Garanzia occupabilità lavoratori, il nuovo programma di politiche attive del lavoro finanziato dal Pnrr). “Vogliamo sostenere i percorsi di ingresso e di reinserimento lavorativo rispondendo ai bisogni di conciliazione vita-lavoro e di spostamento. Possono richiedere i voucher donne e uomini disoccupati inseriti nei percorsi di politica attiva del nuovo Patto per il Lavoro o del Programma Gol”, spiega l’assessora regionale alla formazione professionale, al lavoro e alle pari opportunità Alessandra Nardini.

Dedicato ai disoccupati con figli piccoli o disabili

L’Agenzia Regionale Toscana per l’Impiego, Arti, ha pubblicato sul Burt l’avviso pubblico per l’assegnazione di voucher di conciliazione e di mobilità ed è già possibile presentare domanda.
L’avviso prevede il riconoscimento di misure di accompagnamento ai percorsi di politica attiva, per favorire la conciliazione vita-lavoro ed a supportare la mobilità geografica  Sono destinatarie e destinatari dei voucher le disoccupate e i disoccupati iscritti a un Centro per l’Impiego della Toscana che hanno aderito alle misure di politica attiva previste nell’ambito del Programma Gol o del nuovo Patto per il Lavoro che siano in possesso dei seguenti requisiti: residenti o domiciliati in Toscana con Isee non superiore a 35 mila euro; persone con responsabilità di cura nei confronti di figli/e minori di 13 anni, o familiari, parenti ed affini entro il secondo grado, in condizione di non autosufficienza e/o disabilità certificati ai sensi della normativa vigente.

Aiuti per trasporti, servizi di cura, sostegno e intrattenimento

I voucher saranno utilizzati per l’acquisto di servizi di cura, intrattenimento, sostegno di figli e minori di 13 anni (servizi per la prima infanzia, ludoteche); per l’acquisto di servizi di cura o assistenza per figli disabili o non autosufficienti; per i servizi di cura, assistenza ad altri familiari, parenti ed affini entro il secondo grado, anche non conviventi, in condizioni di non autosufficienza o disabilità; contributi forfettari per spese di trasporto per i percorsi formativi o tirocini concordati nel patto di servizio con i Centri per l’Impiego. Il voucher per la mobilità è riconosciuto per l’utilizzo del mezzo di trasporto necessario, sia privato che pubblico. Il bando si inserisce nel progetto GiovaniSì. Il testo integrale e le modalità di presentazione della domanda si trovano sul sito internet di Arti (https://arti.toscana.it) o sul sito di GiovaniSì.

Potrebbe interessarti anche

Articoli Correlati


Formazione

23 febbraio 2024

Formazione: nasce l’Its Academy dei servizi alle imprese e agli enti no-profit

Leggi tutto
Mestieri

20 febbraio 2024

Fs a caccia di giovani in Toscana: “Tante assunzioni nei prossimi anni”

Leggi tutto
Formazione

19 febbraio 2024

Servizio civile universale, 3000 posti in Toscana la scadenza delle domande prorogata al 22 febbraio

Leggi tutto

Hai qualche consiglio?

Scrivi alla nostra redazione

Contattaci