30 settembre 2022

Logo t24
Il quotidiano Economico Toscano
menu
cerca
Cerca
Impresa

24 maggio 2022

Toscana Nord, cresce meno la produzione industriale

Il primo trimestre 2022 si è chiuso con un +6,1% sul gennaio-marzo 2021, ma un -1,1% su ottobre-dicembre.

Rallenta la dinamica della produzione industriale nell’area fra Lucca, Pistoia e Prato nel primo trimestre del 2022, segnato prima dal fortissimo incremento dei prezzi soprattutto energetici e poi, poco oltre la sua metà, dallo scoppio della guerra in Ucraina: secondo le rilevazioni del Centro studi di Confindustria Toscana Nord, la variazione tendenziale (2022 su 2021) segna un incremento del +6,1%, positivo ma leggermente inferiore alle prestazioni dei trimestri precedenti, mentre la variazione congiunturale (1° trimestre 2022 sul 4° trimestre 2021) è negativa (-1,1%), portando il trimestre a un -2,9% rispetto alla media del 2019.

Quello della produzione industriale a inizio 2022 è “un risultato non esaltante, ma non tale da destare particolari allarmi”, osserva il presidente di Confindustria Toscana Nord, Daniele Matteini, secondo cui “ci accomuna al resto dell’economia italiana e mondiale la percezione di una forte incertezza dovuta a fattori geopolitici dall’evoluzione imprevedibile. Gli effetti diretti sulle nostre aziende, percepibili già nel primo trimestre e ancora attualmente, riguardano soprattutto i prezzi elevati di gas metano, energia elettrica e materie prime e la disponibilità di alcune di esse; compromessa anche la situazione dei trasporti, sia per i prezzi che per la funzionalità di alcuni dei principali poli logistici mondiali, soprattutto in Cina”.

La produzione manifatturiera lucchese ha segnato nel 1° trimestre 2022 un +3,4% rispetto allo stesso periodo del 2021 e una minima flessione (-0,8%) rispetto al 4° trimestre 2021. Pistoia presenta una situazione sensibilmente diversa, con un +4,1% per il tendenziale e un -4,6% per il congiunturale; Prato, la provincia che con la sua elevata concentrazione del settore moda ha sofferto di più nella pandemia, presenta rispettivamente +11,6% e +0,5%.

Bene Prato, ma è ancora indietro rispetto al 2019

A Lucca le prestazioni migliori appartengono alla nautica, che segna il 10,3% in più rispetto allo stesso periodo del 2021 e che presenta anche previsioni positive sugli ordini, soprattutto dall’estero; ma anche +7,8% della metallurgia, +6,8% della chimica-plastica e +6,3 della meccanica sono risultati di tutto rispetto. Stabili carta e cartotecnica con +0,4%, in ribasso sia l’alimentare che il lapideo (rispettivamente -1,7% e -3,7%).

A Pistoia la chimica-plastica è in crescita costante (+7,2%), ma sono in positivo la metalmeccanica (+5,8%), l’abbigliamento maglieria (+6,9%), la carta (+6,2%), il cuoio-calzature (+7,3%). Modesta ma presente, la crescita nel settore del mobile, che include anche la produzione di materassi (+1,9%). Il peggior dato è rappresentato dal settore alimentare, che perde una quota considerevole di produzione (-6,6%). A Prato il tessile segna +14,9% rispetto allo stesso periodo del 2021 e +3,3% rispetto al 4° trimestre 2021. Bene anche il meccanotessile con, rispettivamente, +7,8% e +3,8%, valori analoghi all’abbigliamento (+7,6% e +3,2%). Il confronto con la media del 2019, tuttavia, rivela un gap ancora sostanzioso (-8,5%).

Potrebbe interessarti anche

Articoli Correlati


Industria

29 settembre 2022

Solvay guarda al territorio, intesa col Comune di Rosignano

Leggi tutto
Industria

23 settembre 2022

Concordato (in continuità) per Fimer, la crisi è finanziaria

Leggi tutto
Industria

20 settembre 2022

La spinta green fa quadruplicare il fatturato di Novatec

Leggi tutto

Hai qualche consiglio?

Scrivi alla nostra redazione

Contattaci