26 giugno 2022

Logo t24
Il quotidiano Economico Toscano
menu
cerca
Cerca
Impresa

28 marzo 2022

Toscana Energia prepara un dividendo record

La società che distribuisce metano controllata da Italgas e partecipata da 80 Comuni migliora l’ebitda, ora al 74,5% dei ricavi.

Bilancio record per Toscana Energia, la società di distribuzione del gas controllata (50,7%) da Italgas e partecipata (49,3%) da 80 Comuni toscani guidati da Firenze che si conferma, ancora una volta, campione di redditività: il fatturato 2021 – informa un comunicato – è stato pari a 139 milioni di euro, in linea con l’anno precedente, mentre il margine operativo lordo adjusted (al netto delle voci straordinarie) è migliorato, toccando i 103,67 milioni di euro (+4%): un valore che è pari al 74,5% dei ricavi. In aumento anche l’utile netto adjusted, che è stato di 40,5 milioni (+4%) e dunque assicurerà un ricco dividendo agli azionisti.

L’assemblea dei soci è convocata per il 20 aprile. Gli investimenti tecnici hanno sfiorato i 67 milioni (+16%), e hanno portato a estendere la rete del metano con 45 chilometri di nuove tubazioni.

“Questi investimenti hanno consentito anche di accelerare il percorso di trasformazione digitale di reti e impianti – afferma l’azienda – strategico per abilitare la transizione energetica verso l’impiego di gas rinnovabili come biometano, idrogeno verde e metano sintetico”. La sostituzione dei misuratori tradizionali con quelli di ultima generazione (smart meters), che permettono la lettura a distanza dei consumi, ha superato il 99% degli attivi.

A fine 2021 Toscana Energia era concessionaria del servizio di distribuzione in 101 Comuni, con 797.977 mila misuratori attivi, una rete di 8.018 km e 1.102 milioni di metri cubi di gas distribuito. 

“Gli importanti investimenti fatti nel corso del 2021 – afferma l’amministratore delegato Bruno Burigana – rappresentano una leva strategica per proseguire la trasformazione digitale della nostra rete di distribuzione, impegno che continuerà nel prossimo biennio, in modo da renderla ancora più efficiente e sicura, anche grazie a una manutenzione di tipo predittivo, e da poter accogliere e distribuire anche altri tipi di gas di origine rinnovabile come il biometano”.

Potrebbe interessarti anche

Articoli Correlati


Impresa

22 giugno 2022

Cessione dei crediti d’imposta, allarme generale in edilizia

Leggi tutto
Sviluppo

22 giugno 2022

Sesa acquisisce Eurolab, è il nono M&A del 2022

Leggi tutto
Impresa

21 giugno 2022

Caffè e ristoranti storici, Nardella propone l’Art bonus

Leggi tutto

Hai qualche consiglio?

Scrivi alla nostra redazione

Contattaci