30 settembre 2022

Logo t24
Il quotidiano Economico Toscano
menu
cerca
Cerca
Impresa

31 marzo 2022

Tessile, Beste acquisisce TeXco

Nasce un gruppo da oltre 60 milioni di fatturato: è la più importante aggregazione del distretto pratese.

Silvia Pieraccini

Dalle parole ai fatti. Giovanni Santi è sempre stato l’imprenditore che più di tutti, a Prato, ha sostenuto la necessità di aggregazioni tra aziende per “salvare” il tessile, e ora con la sua Beste ha realizzato la più importante che il distretto ricordi.

Beste ha acquisito dalla famiglia Colzi il 100% del lanificio TeXco di Montemurlo (Prato), produttore di tessuti di lusso in cashmere, mohair, alpaca, rafforzando così la parte a monte della filiera e compiendo un bel salto dimensionale.

Un gruppo con più di 60 milioni di fatturato

Dall’unione, che sarà operativa dal 1 settembre prossimo, nascerà un gruppo da oltre 60 milioni di ricavi con una specializzazione che va dalla produzione di tessuti cotonieri (tipica di Beste) a quella di tessuti lanieri (tipica di TeXco) fino alla confezione di capi d’abbigliamento, fatta da Beste sia per i grandi marchi (una quindicina di clienti) che per il brand di proprietà Monobi, in fase di crescita.

Beste nel 2021 ha fatturato quasi 30 milioni di euro, recuperando i livelli pre-Covid, e quest’anno prevede di superare i 36 milioni grazie soprattutto al traino della divisione abbigliamento; TeXco, fondato da Piero Colzi nel 1983 e ora guidata dai figli Nicola e Tommaso, ha chiuso il 2021 con 28 milioni di ricavi e 1 milione di utile netto.

Integrazione produttiva e commerciale

“Diventiamo un gruppo diversificato con una propria catena produttiva”, spiega Giovanni Santi, titolare col fratello Matteo dell’azienda partecipata al 10% dal gruppo cinese Huamao. “TeXco rappresenta una realtà di riferimento nel mercato delle fibre nobili laniere per il settore del lusso che ben si integra con noi sia a livello produttivo che commerciale”, aggiunge. Giovanni Santi rimane convinto che la strada delle aggregazioni sia l’unica che può salvare il distretto pratese e il tessile italiano: “Anche nella difficile situazione di mercato post-pandemica, aggravata dal caro-energia e dalla guerra in Ucraina – dice – le aggregazioni di aziende sinergiche e complementari sono il modo per rispondere alle istanze della clientela”.

Autore:

Silvia Pieraccini

Potrebbe interessarti anche

Articoli Correlati


Industria

29 settembre 2022

Solvay guarda al territorio, intesa col Comune di Rosignano

Leggi tutto
Industria

23 settembre 2022

Concordato (in continuità) per Fimer, la crisi è finanziaria

Leggi tutto
Industria

20 settembre 2022

La spinta green fa quadruplicare il fatturato di Novatec

Leggi tutto

Hai qualche consiglio?

Scrivi alla nostra redazione

Contattaci