25 giugno 2022

Logo t24
Il quotidiano Economico Toscano
menu
cerca
Cerca
Impresa

26 maggio 2022

Stefano Ricci torna ai livelli pre-Covid

Le incognite maggiori ora arrivano dai mercati strategici di Russia e Ucraina e dalla Cina, coinvolta in un nuovo lockdown.

L’azienda fiorentina Stefano Ricci compie 50 anni e li festeggia tornando ai livelli pre-Covid, anche se fino a due mesi fa le previsioni del marchio di moda maschile d’alta gamma erano ancor più ottimistiche. “Dopo aver chiuso il 2021 con +60% a 130 milioni di euro di fatturato, nel primo trimestre siamo cresciuti del 40% – spiega l’amministratore delegato Niccolò Ricci – e la prospettiva era del +20% a fine anno; ma ora questa previsione è venuta meno a causa della guerra in Ucraina e del nuovo lockdown in Cina, anche se la tendenza resta positiva: continuiamo a investire e torneremo comunque vicini ai livelli 2019” (quando aveva raggiunto 148 milioni di euro).

Russia e Ucraina osservati speciali

La maison, guidata dal fondatore Stefano Ricci, dalla moglie Claudia e dai figli Niccolò e Filippo, ha presentato al Castello Aragonese di Ischia la nuova collezione primavera-estate 2023 che punta su leggerezza e freschezza con capi che mixano cachemire, seta, cotone e lino trattato con l’aloe e con enzimi per renderlo più morbido.

“Spero che nel giro di sei mesi si possa tornare alla normalità – aggiunge Niccolò Ricci – abbiamo nove boutique in Russia in licenza con partner locali che al momento, per effetto delle sanzioni, non possiamo rifornire, se non con prodotti che costano fino a 300 euro wholesale. In Ucraina invece abbiamo aperto da pochi mesi altri due negozi, che continuano a essere operativi per alcuni giorni a settimana”. 

Gli Stati Uniti corrono

Il mercato più dinamico è quello statunitense (+78% nel primo quadrimestre 2022), dove Stefano Ricci sta investendo in una nuova boutique a New York, tra la 57esima e la Madison avenue, che aprirà a metà agosto. Entro l’anno aprirà anche un negozio a Madrid, mentre continua lo sviluppo in Sud-est asiatico (è stata aperta di recente una boutique a Kuala Lumpur) e, nei prossimi dodici mesi, ancora in Cina con l’apertura di un flagship store a Pechino. Sul fronte creativo, Filippo Ricci ha puntato su leggerezza e freschezza con capi che mixano cachemire, seta, cotone e lino trattato con l’aloe e con enzimi per renderlo più morbido.

Potrebbe interessarti anche

Articoli Correlati


Impresa

22 giugno 2022

Cessione dei crediti d’imposta, allarme generale in edilizia

Leggi tutto
Sviluppo

22 giugno 2022

Sesa acquisisce Eurolab, è il nono M&A del 2022

Leggi tutto
Impresa

21 giugno 2022

Caffè e ristoranti storici, Nardella propone l’Art bonus

Leggi tutto

Hai qualche consiglio?

Scrivi alla nostra redazione

Contattaci