27 maggio 2024

Logo t24Il quotidiano Economico Toscano
menu
cerca
Cerca
Impresa

03 marzo 2023

Ferragamo, nel 2022 si riduce l’utile (-19,5%)

Salgono le spese in marketing e comunicazione, e i costi operativi crescono a un ritmo più alto rispetto ai ricavi.

Crescono i ricavi, ma anche i costi, e così gli utili si riducono: nel progetto di bilancio 2022 del gruppo Salvatore Ferragamo, insieme agli 1,252 miliardi di fatturato mondiale (+10,2%, ma ancora sotto il pre-pandemia), si legge che l’utile netto è stato di 65 milioni (-19,5%). Il consiglio d’amministrazione della maison ha proposto all’assemblea un dividendo da euro 0,28 per azione ordinaria.

Aumentate le spese in marketing e comunicazione

I costi operativi nell’esercizio risultano pari a 773 milioni di euro, in aumento del 21,3% rispetto all’esercizio 2021, “principalmente riconducibili all’incremento programmato delle spese di marketing e comunicazione – afferma l’azienda – che raggiungono i 92 milioni, con un’incidenza percentuale sui ricavi del 7,4% rispetto al 5,8% dell’esercizio 2021”. Gli investimenti nel 2022 hanno toccato quota 56 milioni di euro, contro i 44 milioni di euro dello stesso periodo dell’anno precedente, “a seguito principalmente – si legge – del rinnovamento del network distributivo e di investimenti nel canale digitale”.

Dunque, se il margine lordo dell’esercizio 2022 di Ferragamo è stato pari a 901 milioni di euro, in aumento del 15,4% rispetto al 2021, con l’incidenza sul fatturato che è passata dal 68,8% al 72%, l’Ebitda è sceso a quota 299 milioni (-1,8%) e ancor di più il risultato netto, che pure rimane in territorio positivo. La posizione finanziaria netta è positiva per 371 milioni di euro, contro i 373 milioni di euro al 31 dicembre 2021.

“Priorità alla qualità nelle vendite”

“Nonostante il contesto macroeconomico volatile e complesso, continueremo ad investire a sostegno della crescita e dello sviluppo del potenziale del marchio”, afferma l’amministratore delegato della maison Ferragamo, Marco Gobbetti. “Nel 2022 abbiamo definito il nuovo piano aziendale e ne abbiamo iniziato l’implementazione, con ottimi progressi nelle attività strategiche. Abbiamo inoltre dato priorità alla qualità delle vendite ed aumentato significativamente gli investimenti nel marketing e nella comunicazione. Siamo soddisfatti dei risultati ottenuti, sostenuti dai primi riscontri molto positivi sulla collezione Primavera-Estate ’23, nei nostri negozi da febbraio, così come dal successo riscosso dalla recente sfilata Autunno-Inverno ’23”.

Potrebbe interessarti anche

Articoli Correlati


Impresa

24 maggio 2024

Pelletteria: Sapaf compie 70 anni e cresce con i clienti di nicchia (e con l’AI)

Leggi tutto
Industria

24 maggio 2024

Baker Hughes, nuova commessa multimilionaria in Algeria con Maire Tecnimont

Leggi tutto
Impresa

23 maggio 2024

Orsini presidente di Confindustria, la Toscana applaude

Leggi tutto

Hai qualche consiglio?

Scrivi alla nostra redazione

Contattaci