31 gennaio 2023

Logo t24
Il quotidiano Economico Toscano
menu
cerca
Cerca
Impresa

19 dicembre 2022

Premiata l’innovazione toscana

Assegnato il Premio Innovazione Toscana Amerigo Vespucci: nove le imprese e startup vincitrici. La sostenibilità fattore comune dei progetti.

Sono tutti all’insegna della sostenibilità i nove progetti che si sono aggiudicati il premio Innovazione toscana “Amerigo Vespucci” 2022.
Promosso da Confindustria Toscana insieme al Consiglio Regionale Toscano, il premio è organizzato dal Digital Innovation Hub Toscana ed è giunto quest’anno alla sua quinta edizione; e vuole promuovere le esperienze imprenditoriali di successo che si sono contraddistinte per il rafforzamento delle radici e delle filiere locali. Assegnato, quest’anno, anche un premio speciale “giovani” e una menzione speciale. 

I vincitori del premio

Nove le imprese premiate, cui si aggiunge la categoria “giovani” e la menzione speciale. Nello specifico nella categoria Premio Brevetti il primo premio è stato assegnato alla Bagnoli David Officina Meccanica di Barberino-Tavarnelle (Firenze); al secondo posto la Coalchry Green Srl di Marradi (Firenze).
Nella categoria Premio Ricerca, Sviluppo e Innovazione digitale si è affermato il progetto della Eye-Tech Srl di Marina di Carrara (Massa Carrara) davanti a quello della Flowpay Srl di Campi Bisenzio (Firenze). Nella categoria Premio Transizione Ecologica ed Energetica ha vinto il progetto della Moiwus Srl di Livorno davanti a quello de Le Antiche Mura Srl di Empoli (Firenze).

Nella categoria Premio Startup Innovative il primo posto è stato assegnato alla Next Generation Robotics Srl di Pisa e il secondo alla Smartway Srl di Montepulciano (Siena).
Alla Enco Srl di Firenze, infine, è stato assegnato il Premio Giovani. A queste si aggiunge la Menzione speciale, che è andata alla Kpet Srl di Casalguidi Serravalle Pistoiese (Pistoia).

I commenti degli organizzatori

Secondo il presidente di Confindustria Toscana Maurizio Bigazzi, “siamo vivendo un periodo economicamente molto complesso che prospetta futuri scenari altrettanto difficili, perché le previsioni sono incerte e destano tutta la nostra preoccupazione. Ma i tanti progetti che hanno concorso al Premio dimostrano, non solo che questo si sta consolidando negli anni, ma soprattutto, che le imprese toscane sono capaci di innovazione e stanno cogliendo le opportunità della sostenibilità; gli unici due veri fattori che potranno garantire al nostro sistema produttivo resilienza e sviluppo”.

Per il presidente del Consiglio Regionale Toscano Antonio Mazzeo, “la spinta all’innovazione, al cambiamento, al disegno visionario del futuro che ci attende è la cifra di questo Progetto, e lo collega strettamente al filo rosso che ho scelto come traccia essenziale della mia presidenza del Consiglio regionale: impegnare le istituzioni non solo nella gestione sicuramente complessa e decisiva del presente, ma anche ad anticipare il futuro possibile e atteso per essere protagonisti della sua costruzione”.

“La scelta di attivare una partnership strategica organizzativa con il Consiglio Regionale per il Premio Innovazione si conferma importante per il DIH Toscana che, grazie al suo diffuso network con i soggetti imprenditoriali ed istituzionali coinvolti nel settore dell’innovazione tecnologica e della digitalizzazione, ha saputo consolidare capillarmente il radicamento territoriale dell’iniziativa, favorendone efficacemente la crescita in tutta la regione”, ha aggiunto Fabrizio Bernini, presidente di DIH Toscana.

“Il nostro futuro dipenderà da quanto seriamente prenderemo in considerazione le innovazioni tecnologiche per arrivare a modelli di produzione sostenibile – ha spiegato Antonella Mansi, presidente della commissione giudicatrice. – Un tema ricorrente dei progetti che la Commissione ha valutato con attenzione e impegno e che dimostrano le eccellenze della Toscana e quanto l’economia regionale sia ancora altamente competitiva se si decide di scommettere sulle capacità delle imprese.”

Il presidente del Comitato Promotore, Silvia Ramondetta, ha detto: “Siamo riusciti nell’obiettivo di far emergere le tante progettualità di estremo valore che imprese e startup realizzano in Toscana, consapevoli che nella nostra regione l’innovazione trova terreno fertile per nascere e attecchire. Con il ritorno al Vespucci, il Premio Innovazione Toscana si conferma un marchio dell’innovazione regionale, che continueremo a valorizzare con nuove iniziative a sostegno del tessuto imprenditoriale”.

Potrebbe interessarti anche

Articoli Correlati


Startup

24 gennaio 2023

Crédit Agricole punta sulla fintech fiorentina FlowPay

Leggi tutto
Startup

19 gennaio 2023

Baker Hughes, ecco le prime tre startup innovative per Nuovo Pignone

Leggi tutto
Ricerca

16 gennaio 2023

Università di Firenze, il Pnrr con le imprese del territorio

Leggi tutto

Hai qualche consiglio?

Scrivi alla nostra redazione

Contattaci