6 giugno 2023

Logo t24
Il quotidiano Economico Toscano
menu
cerca
Cerca
Impresa

08 maggio 2023

Nel 2022 Cooplat conferma il fatturato e incrementa l’utile

Dopo la crisi, i risultati della cooperativa di servizi superano le previsioni del Piano industriale 2020-23.

Riccardo Nencini, presidente di Cooplat

Utile di 1,62 milioni di euro, in netta crescita rispetto agli 1,1 milioni del 2021, nel bilancio di esercizio 2022 di Cooplat, la grande cooperativa di servizi che ha sede a Firenze, bilancio approvato dall’assemblea dei soci. Il valore della produzione 2022 ammonta a 54,66 milioni, sostanzialmente stabile (lievissima la crescita) rispetto ai 54,56 milioni del 2021. Evidente il calo dei lavoratori: oggi sono 1.476, di cui 547 soci della cooperativa, rispetto ai 1.794 lavoratori (con 713 soci) del 2021, sull’onda lunga del processo di riorganizzazione.

Sia il risultato dell’esercizio che l’Ebitda, secondo Cooplat, segnano un miglioramento rispetto sia alle previsioni del Piano industriale 2020-2023, sia al budget per l’anno passato. Nel luglio 2020, per superare la crisi, l’assemblea dei soci di Cooplat aveva votato la ricapitalizzazione della cooperativa con il supporto del movimento cooperativo regionale e nazionale, mentre nel mese successivo era stato approvato il nuovo Piano industriale.

“Il risultato del 2022 è particolarmente importante – afferma il presidente di Cooplat Riccardo Nencini (nella foto), in carica dal gennaio dell’anno scorso – perché torniamo finalmente a portare a patrimonio l’utile conseguito, avendo ripagato lo scorso anno le perdite accumulate negli anni precedenti. Anche quest’anno ci sarà una piccola quota di 200mila euro di ristorno dell’utile verso i soci che saranno messi a capitale sociale”.

Un 2023 in salita, con le gare bloccate

Oggi l’attività di Cooplat si concentra prevalentemente in Toscana, Piemonte e Lazio. La cooperativa è presente anche in Veneto, Lombardia, Sardegna, Umbria, Campania, Liguria e Abruzzo. “Sappiamo che il 2023 – ammette Nencini – sarà un anno molto difficile: la revisione del Codice degli appalti ha bloccato le gare e sono in scadenza diversi contratti con clienti privati, quindi partiamo in salita e per questo stiamo lavorando per raggiungere nel 2023 un risultato di fatturato che confermi almeno gli ultimi due bilanci. Ringrazio per il risultato ottenuto i lavoratori e in particolare i soci lavoratori di Cooplat, che sono la forza essenziale del successo della cooperativa”.

Oggi Cooplat è attiva principalmente nei settori del Facility management (prevalentemente servizi di pulizia e sanificazione), che rappresenta il principale ramo di attività attuale, della logistica (trasporto e movimentazione di beni) e dell’Energy management. I destinatari delle attività sono essenzialmente società ed enti, pubblici o privati, operanti in diversi ambiti (tra i principali sanità, istruzione, luxury & fashion, assicurativo, grande distribuzione organizzata alimentare e non). Sono attualmente in esame progetti di partnership industriale per ampliare la presenza della cooperativa nel settore dei “Multiservice tecnologici (Energy management)” e delle manutenzioni del verde.

Potrebbe interessarti anche

Articoli Correlati


Industria

05 giugno 2023

Fimer verso l’amministrazione straordinaria, arriva il tavolo al Ministero

Leggi tutto
Impresa

05 giugno 2023

T24 live: appuntamento alle ore 14!

Leggi tutto
Impresa

01 giugno 2023

Maria Grazia Cassetti e Giovanni Laviosa nominati Cavalieri del Lavoro

Leggi tutto

Hai qualche consiglio?

Scrivi alla nostra redazione

Contattaci