1 marzo 2024

Logo t24Il quotidiano Economico Toscano
menu
cerca
Cerca
Top Aziende

11 dicembre 2023

Moda, allarme Cisl: cigs raddoppiata e rischio licenziamenti

In questo ultimo periodo sono state chieste 75mila ore di cassa integrazione, il doppio dello scorso anno. Nel 2024 a rischio molti posti di lavoro.

Un'azienda di moda


Sistema moda, la crisi annunciata adesso si conclama. “Il settore moda dell’area fiorentina, dopo diversi anni di spinta continua e crescita a due cifre, sta conoscendo una brusca frenata, con richieste di ammortizzatori sociali raddoppiate rispetto a un anno fa, tanto che entro i primi due mesi del 2024 molte aziende artigiane avranno finito gli strumenti di sostegno e rischiamo un taglio importante di posti di lavoro”.

“Urgente un tavolo prima che esploda la tempesta perfetta”

Non scelgono parole rassicuranti Fabio Franchi, segretario generale Cisl Firenze-Prato e il referente moda della Femca-Cisl Firenze-Prato, Gianluca Valacchi. Parlano infatti di una “tempesta perfetta che si sta preparando sul settore, nel silenzio di tutti, a cominciare da chi sta a capo delle varie filiere e dalla politica, troppo impegnata in vista delle imminenti elezioni” e per questo chiedono l’urgente convocazione di un tavolo con tutti i soggetti coinvolti “se vogliamo che il nostro distretto abbia un futuro e un futuro sano”.

La crisi? Fattori internazionali e produzione incontrollata

“Se da un lato le cause sono da ricercare nella situazione generale economica e politica, italiana e internazionale – spiega Valacchi – dall’altro le scelte strategiche degli ultimi anni si sono rivelate sbagliate: la produzione incontrollata di pezzi (borse, scarpe, ecc.) da destinare al mercato, oggi fermi nei magazzini dei brand, l’applicazione di modelli organizzativi improntati alla meccanizzazione e a sostituire un processo prettamente manuale.

Il comparto registra -9,2% nel secondo trimestre 2023

Il comparto moda toscano ha registrato un -9,2% complessivo nel secondo trimestre rispetto allo stesso periodo del 2022, con un -8,8% per l’abbigliamento e un -25,9% per le calzature. Tutto questo oggi ha portato all’impennata delle richieste di cassa integrazione e di accesso al fondo solidarietà bilaterale del settore artigiano che da ottobre sta investendo, come un uragano, l’intera filiera della moda (tessile, pelletteria, calzaturiero) e i settori collegati al distretto scandiccese, coinvolgendo migliaia di lavoratrici e lavoratori.

Quest’anno 75mila ore di cigs contro le 38mila del 2022

A Firenze, nel settore moda, nel settembre 2022 erano state autorizzate da Inps 38mila ore di Cassa integrazione; quest’anno, nello stesso mese, le ore sono state 75mila, quasi il doppio”.

“Siamo impegnati tutti i giorni – prosegue Valacchi – a rispondere alle numerose domande di ammortizzatori sociali ma, oltre l’urgenza, è anche necessario accendere la discussione sulla situazione generale, che coinvolga tutti gli attori, compreso chi sta a capo di queste filiere. Se a questo aggiungiamo il silenzio della politica, troppo impegnata a discutere sulle imminenti elezioni di marzo, ecco che il cerchio si chiude. Nessuno si sta preoccupando del fatto che entro i primi due mesi del 2024 molte aziende artigiane avranno finito tutti gli strumenti di sostegno a propria disposizione e che, pertanto, dovranno iniziare a parlare di tagli dei posti di lavoro, tanti posti di lavoro.

”Per questo, secondo Franchi e Valacchi, “va con estrema urgenza istituito un tavolo di confronto tra parti sociali, brand e istituzioni politiche per discutere del futuro del nostro distretto e della gestione di questo periodo di difficoltà, anche attraverso l’istituzione di ulteriori strumenti di sostegno delle aziende”. (sg)

Potrebbe interessarti anche

Articoli Correlati


Impresa

29 febbraio 2024

Gkn: dietrofront di Qf sui licenziamenti, via a esodi incentivati

Leggi tutto
Impresa

29 febbraio 2024

Moda, Cna e Confartigianato chiedono un tavolo di crisi regionale

Leggi tutto
Industria

29 febbraio 2024

Fosber (macchine per cartone) investe 45 milioni in un nuovo stabilimento

Leggi tutto

Hai qualche consiglio?

Scrivi alla nostra redazione

Contattaci