23 giugno 2024

Logo t24Il quotidiano Economico Toscano
menu
cerca
Cerca
Territorio

03 giugno 2024

Massai (Ance Toscana), “vogliamo più sicurezza nei nostri cantieri”

Il presidente dell’associazione dei costruttori chiede un approccio votato alla prevenzione, e boccia la patente a crediti.

“Un sistema che sostiene l’impresa sana e virtuosa, deve mettere al centro del suo lavoro regolarità e sicurezza nonché quei principi di sostenibilità a cui, oggi come imprese, non possiamo più sottrarci”. Lo ha affermato Rossano Massai, presidente di Ance Toscana, che oggi ha partecipato all’evento ‘Lavoro sano, Lavoro sicuro’, organizzato a Firenze dall’associazione sui temi della sicurezza nel settore edile. Un settore che nell’area metropolitana conta 52mila imprese attive, circa il 15% del totale, e impiega circa 100mila addetti diretti.

“Come imprenditori dobbiamo fare tutto ciò che è previsto, o non previsto ma possibile – ha osservato Massai nella sua relazione -, per garantire la sicurezza pur in presenza di figure con incarichi e responsabilità specifiche. Non si può però pensare alla sicurezza solo nel momento in cui si avvia il cantiere, perché ci sono ci sono scelte, azioni e comportamenti che possono influire sulla sicurezza fin da subito. Ecco perché tutti gli attori devono sentirsi coinvolti fin dalla fase di progettazione e poi di scelta dell’operatore, fino appunto alla apertura del cantiere”.

“La patente a punti? Non è la strada giusta”

Per il presidente di Ance Toscana ci vuole “un approccio normativo e comportamentale orientato proprio alla prevenzione e non invece punitivo, che interviene quando l’incidente è accaduto. La patente a crediti non ci sembra la strada giusta”. Prevenzione vuol dire alzare il livello della qualità in cantiere, ed “ecco perché chiediamo con fermezza e determinazione – aggiunge Massai – che ci sia attenzione e altrettanta professionalità in chi è chiamato a scegliere gli operatori economici sia nei lavori privati che in quelli pubblici. Anche per i lavori privati, lo diciamo da anni, è tempo di prevedere un sistema di qualificazione dell’impresa basata su requisiti minimi di accesso alla professione con livelli crescenti in ragione della struttura e dei lavori acquisiti”.

Questo perché “la sicurezza costa”, ammette il leader dei costruttori toscani, “quindi sia chiaro che l’impresa che non applica il contratto di settore o che ricorre a lavoro non regolare, o quella priva di una struttura operativa adeguata tanto da sfruttare il lavoro altrui, è nostra diretta concorrente; risulterà più competitiva nelle gare e nei preventivi privati perché non avrà i costi che gli investimenti nella prevenzione, nella formazione del personale e nell’organizzazione di mezzi comportano, inserendosi facilmente nel mercato a scapito dell’operatore serio e responsabile. Questo non è ammissibile”.

“Verifiche più mirate sulle gravi inadempienze”

E se la cultura della prevenzione deve partire già dalla scuola, le azioni di vigilanza sono un elemento comunque imprescindibile. “Come Ance abbiamo, sempre, chiesto più controlli da chi è chiamato a svolgere questo ruolo – ha aggiunto Massai -, e soprattutto verifiche più mirate, attente alle gravi inadempienze piuttosto che alle piccole difformità formali, a partire dal rispetto della contrattazione collettiva di settore, primo baluardo di regolarità. L’attività ispettiva su questo è fondamentale e deve essere svolta sul campo facendo applicare correttamente norme e procedure: imprese giuste ma anche i comportamenti giusti in cantiere”. (lt)

Potrebbe interessarti anche

Articoli Correlati


Territorio

21 giugno 2024

Osservatorio Findomestic, in Toscana i consumi crescono di più

Leggi tutto
Territorio

21 giugno 2024

Cinquant’anni di Cgil Toscana: vite, storie, nuove mobilitazioni

Leggi tutto
Territorio

21 giugno 2024

Andrea Madonna nel Consiglio generale di Confidustria nazionale

Leggi tutto

Hai qualche consiglio?

Scrivi alla nostra redazione

Contattaci