8 dicembre 2022

Logo t24
Il quotidiano Economico Toscano
menu
cerca
Cerca
Impresa

13 ottobre 2022

Manifatture Sigaro Toscano cresce e valorizza Lucca

L’azienda che quest’anno toccherà i 120 milioni di fatturato (+4%) lancia un prodotto fatto a mano dalle sigaraie lucchesi.

Silvia Pieraccini

Manifatture Sigaro Toscano (Mst) continua a crescere e, nonostante gli aumenti dei costi energetici e della materia prima-tabacco, prevede un andamento positivo grazie all’export (salito del 25% nel 2022) ma anche al mercato interno. “Prevediamo di chiudere l’anno intorno a 120 milioni di fatturato, contro i 115 milioni del 2021 – spiega l’amministratore delegato Stefano Mariotti – con un margine operativo lordo di circa 38-40 milioni (nel 2021 il mol è stato di 38 milioni, ndr). Le prospettive sono ancora positive, anche se l’aumento delle bollette e del prezzo del tabacco si fanno sentire: stiamo crescendo sia in Italia, dove abbiamo venduto 180 milioni di sigari, sia all’estero che oggi vale il 20-21%”. I principali Paesi di sbocco sono Turchia, Germania, Spagna, Francia ai quali, dal 2018, si sono aggiunti gli Usa. Mst, 400 dipendenti di cui 180 operai, in Italia ha il 92% della quota di mercato.

Sigari lavorati a mano a Lucca

Nell’attesa di sciogliere il nodo degli azionisti (quello di riferimento col 50,1% era il gruppo emiliano Seci della famiglia Maccaferri che è fallito nel 2021; soci di minoranza col 49,9% sono Montezemolo, Gnudi, Regina e Valli), Manifatture Sigaro Toscano sta investendo in nuovi prodotti e ha appena lanciato una trilogia di sigari Toscano Robusto in edizione limitata, che riunisce le varianti di gusto arancione, blu e rosso.

I sigari, lavorati a mano dalle sigaraie della manifattura di Lucca con una tecnica che ha 200 anni, sono prodotti con tabacco Kentucky italiano, proveniente dalla Valtiberina, e nordamericano. “Il Toscano Robusto è un prodotto che esalta la filiera italiana del tabacco Kentucky, che noi sosteniamo costantemente, attraverso una manifattura particolarmente complessa – aggiunge Mariotti -. Il 60% del tabacco che utilizziamo proviene dall’Italia e in futuro la scommessa sarà proprio continuare ad avere prodotto tricolore”.

Autore:

Silvia Pieraccini

Potrebbe interessarti anche

Articoli Correlati


Impresa

07 dicembre 2022

Gas, Estra Energie vince la seconda gara Cet da 45 milioni

Leggi tutto
Impresa

07 dicembre 2022

Carrara, il distretto del marmo cambia passo

Leggi tutto
Impresa

07 dicembre 2022

Welfare aziendale, le Pmi toscane brillano per sicurezza e inclusione

Leggi tutto

Hai qualche consiglio?

Scrivi alla nostra redazione

Contattaci